Settembre 2017 - Anno X - numero 8 - Sabato 18 Novembre 2017
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

Gusto e Cucina >>

IL BRINDISI E’ SEMPRE PIU’ ITALIANO

La qualità degli spumanti nazionali non teme la concorrenza

immagini_articoli/1335599572_il_brindisi_e_sempre_piu_italiano.jpg

Ogni occasione è buona per un brindisi. Un detto popolare che con varie sfumature è diffuso in tutto il territorio nazionale e che viene messo in pratica assai di frequente. Ma con che cosa brindare? Di solito è sufficiente un calice di vino, ma nelle occasioni particolari si ricorre alle “bollicine”, cioè a quei vini che contengono, disciolta nel liquido, una certa quantità di anidride carbonica. Vi sono sostanzialmente due modi per produrre un vino spumante: il meno costoso consiste nel mettere il vino in un’autoclave e aggiungere anidride carbonica sotto forma di gas alimentare fino al raggiungimento del grado di gasatura desiderato. È un metodo che si usa generalmente per vino frizzanti di qualità non elevata, anche se dà buoni risultati in termini di rapporto qualità prezzo della bottiglia.

Un modo più naturale, anche se assai più complesso è il così detto metodo classico, che nello champagne si chiama metodo champenoise. Esso consiste nell’imbottigliare il vino base e aggiungere lieviti e zucchero in modo tale che i microorganismi possano effettuare le operazioni di trasformazione dello zucchero in alcool rilasciando anidride carbonica che, non potendo uscire a causa del tappo, dovrà sciogliersi all’interno del liquido dando così origine alle bollicine. I lieviti che hanno finito la loro funzione devono essere tolti dalle bottiglie che vengono perciò riaperte per levare i residui e tappate nuovamente col tappo a fungo che siamo abituati a vedere. Un processo lento, che dura almeno diciotto mesi, ma che in alcune realtà nazionali che producono bollicine, come la Franciacorta, è stato portato a ventiquattro mesi per migliorare ulteriormente la qualità del prodotto finito.

La scelta tra “bollicine” francesi e nazionali non è semplice e spesso è dettata più dalla moda che dalla reale conoscenza del prodotto. La bevanda d’oltralpe è da sempre sinonimo di lusso e di festa, mentre le produzioni nazionali sono associate ad un gusto riservato a pochi intenditori. In Italia un numero crescente di aziende vinicole si dedica alla spumantizzazione, anche al di fuori delle aree classiche come la già nominata Franciacorta o la provincia di Trento che in questo senso vantano lunghe tradizioni. Si producono ottimi vini spumanti al nord come al sud, utilizzando vitigni presenti da tempi immemorabili in quelle regioni.

Occorre precisare che la Francia vanta rispetto al nostro Paese una tradizione assai più lunga. Risale infatti all’anno 1670 la scoperta da parte del frate Dom Perignon del processo così chiamato di “rifermentazione in bottiglia” e da allora i nostri vicini hanno affinato le tecniche e selezionato vitigni e lieviti per ottenere prodotti di alta qualità. Sebbene siamo partiti con qualche secolo di ritardo, stiamo lavorando nel senso giusto e la qualità di alcuni nostri prodotti non ha nulla da invidiare ai francesi. Occorre però che i nostri produttori non cadano nella tentazione di seguire scorciatoie di alcun tipo che sarebbero deleterie per l’immagine di un prodotto che si sta affermando e confermando anche al fuori dei confini nazionali.

(foto e immagini da Google.it)



News letta: 1597 volte.
    Federica Felici - newcitizenpress.com - 28/04/2012


Sullo stesso argomento:

-

PIU' Letti:

PIU' Commentati:

MAGAZINE: OkKEY M.D.

Intopic.it