Settembre 2017 - Anno X - numero 8 - Sabato 18 Novembre 2017
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

Costanza Battistini >>

Nuove regole condominiali

La riforma del Condominio Il prossimo 18 giugno entreranno in vigore nuove norme che regoleranno la vita in condominio e riguarderanno gli amministratori, le assemblee, i lavori condominiali, il riscaldamento, gli inquilini morosi e la presenza di animali domestici. L’amministratore, che non dovrà avere subito condanne, deve anche essere diplomato e avere seguito un corso di formazione, a meno che non sia uno dei proprietari degli appartamenti. Per quel che riguarda le assemblee condominiali, le deleghe non possono più essere attribuite all’amministratore. Se i condomini sono più di 20, il delegato non può rappresentare più di un quinto dei condomini e dei millesimi. Per quanto riguarda i lavori di manutenzione straordinaria, dovrà essere sempre costituito un fondo speciale di un importo pari all’ammontare dei lavori. Non sarà più sufficiente un taccuino per segnare le decisioni, ma ci saranno il registro di anagrafe condominiale, quello di nomina e revoca dell’amministratore e quello di contabilità.  Per quel che riguarda gli animali domestici, la nuova legge prevede che i regolamenti non possano vietare di possedere o detenere animali domestici, ma Il divieto non riguarda i regolamenti contrattuali. Le novità riguarderanno anche il riscaldamento centralizzato, dal quale chi vorrà potrà staccarsi senza attendere il via libera dell’assemblea ma a patto di non creare pregiudizi agli altri e di pagare la manutenzione straordinaria dell’impianto condominiale. Capitolo importantissimo della riforma è la questione delle maggioranze per deliberare in assemblea. Poiché è sempre più difficile avere il quorum, la riforma ne prevede un abbassamento fino al 50%+1 dei votanti e dei millesimi. Perché l’assemblea sia valida in seconda convocazione, è necessaria la presenza di almeno un terzo degli aventi diritto al voto e, per le delibere, le maggioranze diventano variabili: se in assemblea interviene un terzo dei millesimi, si possono deliberare interventi che riguardano lo svolgimento ordinario della vita in condominio, compresa la nomina dell’amministratore, l’approvazione del preventivo e del consuntivo; con la maggioranza qualificata di 500 millesimi si possono deliberare interventi straordinari; con i due terzi dei millesimi si possono deliberare innovazioni, come prevedeva anche la vecchia legge. Nei casi in cui si voglia mutare la destinazione di una parte comune, sarà sufficiente l’approvazione dei quattro quinti dei condomini e dei millesimi, mentre per altri casi, come per esempio la vendita della guardiola della portineria o di parti dello stabile, rimane in vigore la necessità di votazioni all’unanimità.



News letta: 1808 volte.
    Costanza Battistini - newcitizenpress.com - 14/07/2013


Sullo stesso argomento:

-

PIU' Letti:

PIU' Commentati:

MAGAZINE: OkKEY M.D.

Intopic.it