Febbraio 2018 - Anno X - numero 1 - Mercoledì 21 Febbraio 2018
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >
Luciano Di Muccio
Redazione Telematica di Novara - Giornalista

>>

ITALIA E L'EQUILIBRIO IDROGEOLOGICO

immagini_articoli/1398508936_cattura.jpg

La reale volontà di considerare il territorio in termini di priorità alta dovrebbe condurre a un serio e costantemente aggiornato monitoraggio del rischio, in grado di obbligare gli Enti territoriali ad assumersi le loro responsabilità anche nella fattispecie di omesso intervento preventivo. Nonostante l’accentuata eterogeneità topografica della nostra Italia, nonostante gli evidenti mutamenti climatici, sono tanti gli interventi possibili. Alcuni esempi: realizzare e/o migliorare argini e altre strutture di contenimento a difesa delle sponde; effettuare una ordinaria manutenzione dei corsi d’acqua; rinforzare la stabilità dei pendii ricorrendo al rimboschimento, al gradonamento e all’ancoraggio di terra e rocce; operare scelte coerenti e a volte anche coraggiose a livello di piano regolatore edilizio… E’stato calcolato che in termini economici il dissesto costa molto di più di una intelligente opera di prevenzione e di cura del territorio. Eppure, nonostante l’evidenza del dato economico – al di là dell’obbligo morale di chi ha il compito e la possibilità di intervenire – continuano la latitanza decisionale e operativa e il gioco a nascondino della deresponsabilizzazione.



News letta: 1203 volte.
    Luciano di Muccio - newcitizenpress.com - 25/02/2014


Sullo stesso argomento:

-

PIU' Letti:

PIU' Commentati:

MAGAZINE: OkKEY M.D.

Intopic.it