Settembre 2017 - Anno X - numero 8 - Giovedì 21 Settembre 2017
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

>>

LE IMPRESE FEMMINILI NEL MONDO DEL LAVORO

immagini_articoli/1491298369_dffd.jpg

Il 21,5 % delle imprese italiane è al femminile: Lombardia, Lazio e Campania sono le regioni con il più alto numero di donne al comando. Nel settore agroalimentare le donne hanno conquistato uno spazio considerevole: una azienda agricola su tre è rosa, una realtà importante per il tessuto produttivo del nostro paese se teniamo conto che spesso queste aziende sono innovative e fondamentali per lo sviluppo. Negli ultimi quindici anni le donne hanno conquistato spazi via via sempre più rilevanti, dimostrando di essere capaci, preparate e di condurre un lavoro bene organizzato. Restano però ancora numerose le differenze da appianare per le donne nel mondo del lavoro. Per prima cosa lo stipendio, che risulta essere più basso mediamente del 7,3% rispetto ai colleghi maschi. Gli uomini risultano quindi più pagati ma anche più occupati: nel 2013 solo l’11,5 % degli uomini risultava disoccupato contro il 13,1% delle donne. Inoltre, le donne risultano penalizzate, nel nostro paese, anche sulle possibilità di carriera; se poi decidono di avere dei figli, solo 5 mamme su 10 lavorano. Un percorso lavorativo difficile quindi, per le donne in Italia. << L’ultimo decreto attuativo del Jobs Act>> riferisce il ministro della salute Batrice Lorenzin << introduce una estensione della maternità anche sulla cura parentale. Abbiamo segnalazioni di tentativi in alcune situazioni di disincentivare l’utilizzo della maternità>>. La novità più importante introdotta dal Jobs Act è che i genitori avranno tempo per richiedere il congedo parentale fino ai dodici anni di vita del bambino e non più fino agli otto anni. Inoltre il congedo parentale parzialmente retribuito (al 30%) viene portato dai tre anni di vita del bambino fino ai sei anni. Per Patrizia De Luise, presidente di Impresa donne, investire sulle donne non è solo una questione di pari Opportunità ma anche una occasione di crescita.



News letta: 127 volte.
    Mariangela Monaco - newcitizenpress.com - 14/03/2017


Sullo stesso argomento:

-

PIU' Letti:

PIU' Commentati:

MAGAZINE: OkKEY M.D.

Intopic.it