Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Dicembre 2019 - Anno XI - numero 11 - Domenica 08 Dicembre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

cultura >>

Oleg Kashin: a Mosca, il giornalismo non si scrive con le dita ma con la voce!

“La voce del Kommersant journal aggredito sotto casa. Non si tratta di rapina ma di chiara intimidazione”

immagini_articoli/1289659211_kijuh.jpg

Gli hanno rotto le dita delle mani, intimandogli simbolicamente di non scrivere. Oleg Kashin, giornalista moscovita del Kommersant journal, vittima di un agguato, versa in condizioni drammatiche. Giaceva riverso, davanti casa, quando è stato rinvenuto. Gli aggressori restano ignoti ma il messaggio lasciato sulle mani della vittima, non lascia ombra di dubbio: “Non scriverai più verità scomode. It’s over”. Da anni Kashin si occupava dei retroscena scandalosi che si consumavano ai vertici della politica; la sua vena icastica ed irriverente non risparmiava neppure la Chiesa ortodossa. Il presidente russo Medvedev si dice indignato per l’accaduto ed assicura che farà di tutto per identificare i responsabili. Promesse che non suonano nuove ma già fatte e disattese per i precedenti casi: Anna Politkovskaya docet. La vicenda di Kashin, ricorda la natura sui generis del giornalismo russo. E’ una professione che richiede spirito di abnegazione ma soprattutto un’elevata dose di rischio, se si decide di non siglare un implicito patto di fedeltà con la politica. Kashin non era un eunuco del potere ma un servitore della verità, la sua mission si fondava sull’ informazione chiara e trasparente. Il giornalismo non si scrive con le mani, sebbene esse ne siano lo strumento, né con gli occhi che catturano ed immortalano i fatti. Il giornalismo si fa con la voce che nasce dal pericoloso senso di denuncia. Di conseguenza, se gli aggressori di Kashin potrebbero aver pensato: “It’s over”, l’appello corale della comunità internazionale dovrebbe essere: “The voice must go on”. Non c’è bisogno di ancora altre dita che scrivano ma di prime voci che denuncino.

 

(foto immagine da Google)



News letta: 1132 volte.
    Marirosa Barbieri - newcitizenpress.com - 13/11/2010


-