Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Ottobre 2019 - Anno XI - numero 9 - Venerdì 18 Ottobre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

politica ed economia >>

SALENTO: ECONOMIA IN PICCHIATA

Saldo positivo di 1.062 aziende, ma per i tre comparti chiave: agricoltura, manifatturiero e commercio è una dèbacle

immagini_articoli/1301066406_salento_economia_in_picchiata_15.jpg

Lo possiamo definire il Salento delle contraddizioni. Lo scorso anno, infatti, in provincia di Lecce sono state aperte più di mille imprese ma in nessun settore si registra una crescita. L’ ufficio del Registro delle imprese dell’ ente camerale salentino registra al 31 dicembre 2010 un saldo positivo di 1.062 imprese. In altri tempi si sarebbe parlato di boom, invece, ora, è meglio richiamare tutti alla prudenza. Nel gruppo delle nuove aziende spiccano le cosiddette imprese non classificate. Aziende che sono nate nel corso dell’ anno, ma che sono arrivate al 31 dicembre in crisi di identità. I titolari non hanno ancora deciso in quale settore cominciare ad operare. Basta pensare che sono solo 88 le “non classificate” che figurano come attive. Le nuove iscrizioni di queste “non imprese” sono 2mila e 80; le cessazioni 567; il saldo attivo delle particolari aziende è addirittura 1.673. Un dato che “droga” il bilancio 2010. Salgono così a quota 5mila 981 le partite Iva accese in attesa di funzionare. Dati che non chiariscono quale direzione abbia intrapreso il tessuto imprenditoriale salentino che è vittima in tutti i settori economici di una vera e propria débacle. Sul sito internet della Camera di Commercio di Lecce si legge: “Positivo il bilancio della struttura imprenditoriale salentina. Ma è davvero così? In realtà non c’ è molto da stare allegri. Il 2010, a differenza degli ultimi due anni, si è chiuso effettivamente in positivo. Ma quel che viene alla luce, incertezza a parte, è l’ estrema volatilità del sistema: 6mila e 2 iscrizioni nel Registro delle imprese a fronte di ben 4mila 940 cessazioni. Dopo il passivo di -222 unità del 2008 e di 1.159 nel 2009, arriva il saldo positivo di 1.062 imprese. Tra i settori reali è un’ ecatombe: tutti in caduta libera, eccezion fatta per la piccola risalita (dopo il tonfo degli ultimi anni) di costruzioni (80 imprese in più), servizi alle imprese (+2 aziende), sanità ed assistenza sociale (+1 unità), attività di servizi più in generale (3 realtà imprenditoriali in più). In sintesi è facile intraprendere un’ attività, ma è ancor più facile chiuderla. L’ economia locale va ad assumere una nuova fisionomia. I tre settori tradizionali sono in netto calo. Nel 2005 il comparto agricolo rappresentava il 17,3% dell’ intero tessuto imprenditoriale salentino, oggi è sceso al 14,7%. Il manifatturiero che cinque anni fa costituiva il 12,7% oggi è al 10,3%; in ribasso anche il commercio, dal 32% al 30%. Il settore che ha sofferto di più nel 2010 è stato il manifatturiero. 246 nuove industrie a fronte di 523 cancellate: il saldo è sicuramente tra i peggiori degli ultimi anni, -234 aziende (-3,04% il tasso di crescita). In termini assoluti solo il settore del commercio è andato peggio: la crisi si è portata via 1.615 aziende; perdite solo in parte compensate da 1.315 nuove iscrizioni per un saldo negativo di -299 unità (-0,99%). Diminuiscono anche le aziende nel campo agricolo (-104 unità per un tasso a -0,97%). In calo anche il turismo (45 aziende in meno nei settori dei servizi di alloggio e ristorazione). Complessivamente il tasso di crescita annuo è risultato più alto, sia rispetto al dato medio nazionale (+1,19%), sia a quello pugliese (+1,34%). Sembrerebbe che l’ allargamento della base imprenditoriale registrato nel 2010 sia una risposta da parte degli italiani alla crisi occupazionale. Anche se poi larga parte dei nuovi imprenditori, almeno di quelli salentini, non sa quel che è e ciò che vuole. Contraddizioni di una terra splendida, unica, come il Salento. (Foto e immagini da Google.it) 



News letta: 1225 volte.
    Antonio Nicola Pezzuto - newcitizenpress.com - 15/03/2011


Sullo stesso argomento:

-