Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Settembre 2020 - Anno XIII - Numero 8 - Sabato 31 Ottobre 2020
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

politica ed economia >>

SAN PRECARIO, AIUTACI TU!

Nel Mezzogiorno i precari sono più di un milione

immagini_articoli/1315427134_san_precario.jpg

Vittime silenziose della crisi economica e di una società ingiusta che non premia chi ha investito in un percorso di formazione e conoscenza. Questa la situazione di oltre un milione di giovani nel Mezzogiorno, soggetti deboli di una società immobile che li relega in condizioni di marginalità professionale. Una situazione paradossale, e le cifre sono lì a testimoniarlo. Infatti, più del 60% delle persone che hanno perso il lavoro tra la metà del 2008 e la metà del 2010 era impiegata al Sud, 361mila posti persi nel meridione su un totale di 574mila. Da evidenziare che il crollo occupazionale riguarda soprattutto le fasce giovanili, basta notare che gli occupati dai 15 ai 34 anni nel Mezzogiorno sono diminuiti di ben 344mila unità. Su circa 4 milioni di precari in Italia, 240mila si trovano nella pubblica amministrazione. Critica la situazione nel mondo della scuola con oltre 200mila, malgrado in una regione come la Campania, oggi, ci sia bisogno di circa 3.700 bidelli e amministrativi e di un migliaio di insegnanti. Inoltre i giovani precari percepiscono retribuzioni da fame. I loro guadagni, infatti, sono di almeno un quarto inferiori rispetto a un lavoratore che svolge gli stessi compiti con un contratto a tempo indeterminato. In Italia, oggi, si contano quasi quattro milioni di precari di cui il 56% nel Centro-Sud, in aumento del 4% tra il 2008 e il 2010. Si trovano soprattutto negli alberghi, ristoranti e nei servizi pubblici e sociali. In questa triste classifica il primato è del Mezzogiorno con oltre 1.336.000, di cui 280mila in Puglia e 273.300 in Campania, secondo le stime della Cgia di Mestre. Al momento il loro peso sul totale degli occupati equivale al 21,6%. Nella maggior parte dei casi sono impegnati in lavori pesanti sotto il profilo fisico, anche perché sprovvisti della necessaria qualificazione professionale. Una strada per formare i giovani è quella dell’ apprendistato sulla quale governo e regioni, pare, si stanno impegnando. Lo schema di decreto approntato dal ministro del lavoro Maurizio Sacconi non persuade i sindacati che invocano chiarezza sui vincoli di stabilizzazione degli apprendisti, sulla riduzione della durata dell’ apprendistato, sulla quantità di ore di formazione obbligatoria. Anche le regioni cercano di fare la loro parte. La Puglia impiega i fondi europei per finanziare l’ apprendistato professionalizzante. C’ è da augurarsi che la situazione possa migliorare per consentire a tutti i precari di avere un futuro costruito su basi solide. Ma nella società dell’ immagine sembra che ad averne la meglio siano i giovani che scendono a compromessi di natura politica e non solo. La bellezza fisica, che pare ormai avere un prezzo sul mercato, prevale sulla cultura, sulla preparazione e sull’ onestà. A chi cerca di farcela con le proprie forze per combattere e vincere in questa ingiusta società, un grande in bocca al lupo! (Foto e immagini da Google.it)




News letta: 911 volte.
    Antonio Nicola Pezzuto - newcitizenpress.com - 03/07/2011


-