Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Gennaio 2020 - Anno XII - numero 12 - Lunedì 20 Gennaio 2020
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

Attualità >>

Wikileaks, strage di Ustica. Usa coinvolti e l’Italia li copriva…

immagini_articoli/1315831515_eikileaks.jpg

INTERNET. Sono due cablogrammi, rilasciati da Wikileaks, a svelare possibili coinvolgimenti e coperture istituzionali di Usa e Italia sulla strage di Ustica (l’incidente aereo avvenuto in circostanze misteriose che il 27 giugno del 1980, costò la vita a 81 persone, nel cielo tra Ustica e Ponza). Si tratta del http://cables.mrkva.eu/cable.php?id=8970 e del http://cables.mrkva.eu/cable.php?id=9371, classificati dal funzionario dell’ambasciata Usa a Roma, Thomas Countryman. Due dispacci che, oltre a riaprire una ferita ancora aperta( a distanza di trent’anni dall’incidente è ancora buio pesto sulle possibili cause e responsabilità), documentano la preoccupazione degli Usa su una fuga di notizie che rivelassero il loro “coinvolgimento”. E infatti tra le varie ipotesi sulla strage (collisione tra velivoli, bomba esplosa a bordo, cedimento strutturale), si pensò ad un missile Usa che accidentalmente o non, potesse aver colpito il mezzo. Ma non è tutto. Da alcuni passaggi dei cablogrammi viene fuori che l’allora ministro dei rapporti col Parlamento, Carlo Giovanardi, cercò di nascondere le responsabilità americane, sostenendo in Parlamento, «che la strage era stata provocata da un bomba e non da un missile Usa ». Cerchiamo di vederci chiaro. Dal cablogramma http://cables.mrkva.eu/cable.php?id=8970 apprendiamo che il 25 giugno 2003, Thomas Countryman, diplomatico dell’ambasciata americana a Roma, fece pressioni sul dipartimento di Stato, perché rilasciasse subito un documento. Ma di cosa si tratta? Di carte desecretate contenenti un intercettazione, da parte degli americani,di una telefonata tra l’allora presidente del Consiglio, Giuliano Amato, ed il ministro della difesa, Salvo Andò. «Nella conversazione telefonica», si legge dal dispaccio, «i due discutevano degli sforzi fatti dall’amministrazione americana al fine di monitorare le indagini di giudici e parlamentari». I toni di Countryman sembrano preoccupati soprattutto per uno speciale del tg3 del 21 giugno 2003 sulla vicenda, e per i titoli di importanti testate che annunciavano “nuove rivelazioni” sul caso Ustica. L’attenzione mediatica italiana era alta ma il diplomatico Usa cercò di sminuire il tutto definendole «teorie cospirazionistiche». Ma non finisce qui perché è il cablogramma http://cables.mrkva.eu/cable.php?id=9371 a mettere con le spalle al muro il governo italiano. E’ sempre Countryman a scrivere, stavolta il 14 luglio 2003, riportando il contenuto di un colloquio avvenuto il 10 luglio 2003 tra lui e Giovanardi. Quest’ultimo si lamentava della «mancanza di chiarezza e cooperazione» da parte degli Usa nei confronti del governo italiano e ricordava come lui, invece, avesse fatto ogni sforzo per mettere a tacere la questione di Ustica e salvare gli americani, al punto da sostenere in Parlamento «che l’incidente era stato causato da un’esplosione a bordo del velivolo». «Giovanardi spiegò che», si legge letteralmente nel cablogramma, «parlò in Parlamento cercando di mettere a tacere la questione di Ustica vecchia di 20 anni (to put the 20 year old Ustica crash case to rest) e che l’incidente (the crash) era stato causato(was caused) da un’esplosione interna e non da un missile Usa (by an internal explosion and not by a Us missile). E, nel passaggio successivo, il politico italiano chiedeva agli Stati Uniti di coordinare insieme all’ambasciata americana una dichiarazione pubblica congiunta sull’incidente (he asked that we coordinate our public comment on the matter).




News letta: 4023 volte.
    Marirosa Barbieri - newcitizenpress.com - 24/08/2011


Sullo stesso argomento:

01/03/2011: ANDAMENTO LENTO

-