Dicembre 2018 - Anno X - numero 11 - Giovedì 17 Gennaio 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere per una consapevolezza della mente e del corpo    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

Matteo Mascetti >>

DAL RAPPORTO MAL'ARIA DI LEGAMBIENTE, LA SITUAZIONE DELL' INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ITALIA

Due città su tre sono fuori legge: gli abitanti, non potendo evitare di respirare, sono costretti a inalare un cocktail di veleni che minaccia la loro salute. E la situazione, non imprevedibilmente vista la mancanza di sostegno al trasporto pubblico e alla mobilità sostenibile, continua a peggiorare. Nel 2011 i superamenti della soglia massima per le polveri sottili sono aumentati del 12% rispetto al 2010. Sono i dati contenuti nel rapporto Mal’aria, lo studio di Legambiente sull’inquinamento atmosferico. Il 67% dei capoluoghi di provincia monitorati non ha rispettato il limite consentito per le Pm10, le polveri sottili. Torino, Milano e Verona sono in testa con 158, 131 e 130 superamenti registrati nella centralina peggiore di ognuna delle tre città. Sulle 82 città monitorate, 55 hanno esaurito i 35 superamenti giornalieri consentiti dalla legge in un anno. Ben 13 città hanno registrato oltre 100 superamenti del limite di protezione della salute umana. Rispetto al 2010, in alcune città la situazione è peggiorata in modo drammatico: Cremona ha registrato quasi tre mesi in più di aria irrespirabile, Verona due mesi in più, Treviso 50 giorni, Milano 44 giorni, Terni 42, Cagliari e Vercelli 38. Se il trend è chiaro anche le responsabilità risultano evidenti. Il principale imputato nelle città è, oltre al riscaldamento, il traffico, “responsabile sia delle emissioni che escono dai tubi di scappamento dei veicoli che delle 9 mila tonnellate di polveri a livello nazionale che derivano dall’usura degli pneumatici, dei freni e del manto stradale”. Un’aggressione ai polmoni che si potrebbe ridurre assicurando un’alternativa al dominio dell’auto. Ma degli 11 milioni di persone che ogni giorno si spostano solo 2,8 milioni scelgono il treno, anche perché su molte tratte le condizioni continuano a peggiorare per via dei continui tagli delle risorse e dei collegamenti. Aumentare di mille unità i treni in circolazione o investire a lungo termine per portare i passeggeri ad almeno 4 milioni, porterebbe – secondo i calcoli di Legambiente – a risparmiare tra il 3,3 e il 5,5% delle polveri sottili. Una certa efficacia, se abbinate al miglioramento del trasporto pubblico e al sostegno della mobilità a basso impatto ambientale, avrebbero anche le misure di road pricing come quella adottata a Milano. Ma per sconfiggere le polveri sottili, che viaggiano per molte decine di chilometri, bisognerebbe estendere l’esperimento milanese su una scala molto maggiore.



News letta: 1046 volte.
    Matteo Mascetti - newcitizenpress.com - 26/01/2012


Sullo stesso argomento:

-