Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Dicembre 2019 - Anno XI - numero 11 - Giovedì 12 Dicembre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >
Marco Chisotti
Redazione telematica di Torino - Giornalista

>>

Spiritualità come essenza della vita

immagini_articoli/1354221054_imagesddded.jpg

Fare entrare nella vita e nelle sue vicende la visuale spirituale,non disturba per nulla le terrene vicende personali,sociali,culturali,politiche, perché lo spirituale non è in antagonismo col benessere terreno,anzi aiuta a sublimarlo e spiritualizzarlo,cioè ,valorizzarlo presso Dio. Il comportamento spirituale è difficile? La deontologia medica,come quella di ogni professione,è basata su regolamenti,leggi,ipotesi, tecniche..., spesse volte non ben chiare ed in opposizione fra loro. La deontologia (chiamiamola così) spirituale è molto semplice perché basata,essenzialmente,su di un solo parametro:la fede (coscienza). La fede,come l'amore,il rispetto,l'onestà...,non è materia di studio o di tecnologia,ma dipende dalle facoltà naturali della persona umana:libera volontà,intenzione,convinzione personale. Per di più,la fede non è in relazione agli uomini o ad altre realtà terrene,ma è un'intima e personale disposizione verso le realtà spirituali: Dio, Aldilà... Quale fede?Personalmente, essendo convinto che l'uomo,soprattutto se è onesto è guidato da Dio, direi che è l'individuo stesso che sceglie la fede che è più in corrispondenza della sua cultura e gli dà maggiore serenità. Eutanasia attiva e passiva. La legge della vita non permette l'eutanasia attiva,cioè quella intenzionalmente finalizzata alla morte. L'eutanasia passiva,cioè quella finalizzata ad eliminare il dolore fisico e, per quanto possibile, quello psichico, in genere, è religiosamente lecita. Questo è basato sul concetto di causa a doppio effetto. Penso però che debba essere l'ammalato stesso a farne richiesta e dettarne le regole che devono essere,preferibilmente, di natura religiosa:evitare la disperazione o atteggiamenti di rivolta contro Dio,la vita,il prossimo. Dire la verità? Dipende dalla sensibilità dell'ammalato e soprattutto dal suo livello spirituale. Non è la verità in sé stessa che spaventa o offende,ma il modo di farlo e la più o meno preparazione che l'individuo ha nel recepirla. La serenità dell'ammalato di fronte alla morte è direttamente proporzionata al suo livello spirituale ed inversamente alla sua "terrenità",cioè all'attaccamento alle cose terrene compresa la vita. Per quanto possibile favorirei il dire la verità. Del resto Dio,che è verità,è il prototipo del comportamento religioso, e direi anche "ratio-affettivo" dell'uomo. Semmai, di fronte a certe verità inevitabili,penso sia più dignitoso e positivo per l'uomo,il formarsi una convinzione, e di conseguenza un carattere forte sì da prevenirle,affrontarle e superarle, anziché autoingannarsi e doverle poi subire impreparati. Che cosa fare quando terrenamente non c'è più nulla da fare? Di fronte all'impotenza,c'è soltanto più da scegliere una delle tre alternative:fatalismo, disperazione,fede. Non penso che il fatalismo,peggio ancora la disperazione,siano in consonanza con le esigenze razionali ed emotive dell'uomo. La speranza (fede) nella sopravvivenza della Vita,non porta nessun negativo,anzi è in piena consonanza con la razionalità e l'emotività dell'uomo. Anche nel caso (più ipotetico che reale) che la speranza sia una pia illusione,ha pur sempre il potere di temperare la sofferenza di un cuore che testardamente,non vuole morire. Una quarta alternativa potrebbe essere la convinzione che gli uomini passano sì, ma la storia rimane,per cui si ha la speranza (o anche la certezza) di essere poi commemorati. Penso però che questo sia puro idealismo che,oltre alla intrinseca irrazionalità (che cos'è la storia?) non sia sufficiente a soddisfare le esigenze umane. Comunque, l'uomo è un mistero. Ed è un mistero appunto perché è dotato di realtà (intelligenza,libertà) che vanno al di là di ogni consuetudine terrena. Ma, non è proprio in questo mistero che sta l'esigenza razionale dell'immortalità



News letta: 2170 volte.
    Marco Chisotti - newcitizenpress.com - 29/11/2012


Sullo stesso argomento:

-