Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Dicembre 2019 - Anno XI - numero 11 - Domenica 08 Dicembre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

Politica ed Economia >>

NO AL PERDONO GIUDIZIALE PER MINORI CON PRECEDENTI

immagini_articoli/1363187868_downloaddeeee.jpg

Il perdono giudiziale, istituto di origini francese, è stato introdotto nel nostro ordinamento giuridico con il nuovo codice penale del 1930. Trattasi di una esimente generale a favore degli imputati minorenni, disciplinata dall’art. 169 c.p., che implica una pronuncia irrevocabile di proscioglimento in luogo della condanna, la quale può anche conseguire all’affermazione della colpevolezza ed ha comunque carattere definitivamente e pienamente liberatorio sotto il profilo penale (Cass. pen. sez. II, 2.6.1977 n. 2633). In merito è però intervenuta una recentissima pronuncia della Cassazione - sentenza n. 2725 del 18 gennaio 2013 – la quale ha detto “No” al perdono giudiziale nei confronti del minorenne qualora penda su di lui un precedente procedimento: visto che alla base del giudizio c’è la personalità in formazione del minore assumono rilievo l’incensuratezza, la condotta di vita successiva al reato nonchè le condizioni familiari e sociali. E’ quanto ha sancito la Suprema Corte con la sentenza de qua disponendo un annullamento con rinvio al Tribunale dei minori per un nuovo esame. Insomma, la seconda sezione penale, nel caso di specie, ha sposato la tesi della Procura di Torino che aveva fatto ricorso contro la decisione del gup di non doversi procedere nei confronti di un ragazzo per concessione del perdono giudiziale. Sostanzialmente, dunque, per la Cassazione il beneficio del perdono giudiziale non deve essere dato solo in base alla giovane età e alla confessione, ma si deve tener conto anche del fatto che vi siano o meno pendenze di altri procedimenti. Sulla base di tali presupposti pertanto la Suprema Corte ha giustamente ribaltato la decisione del giudice minorile nel concedere il perdono giudiziale, passando ora la parola al Tribunale dei minorenni di Torino.



News letta: 1254 volte.
    Antonio Ruggiero - newcitizenpress.com - 13/03/2013


-