Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Ottobre 2019 - Anno XI - numero 9 - Venerdì 18 Ottobre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

>>

Dormire in ufficio? Uno su tre lo ha fatto

immagini_articoli/1384341702_domire_in_uff.jpg

La vita è sempre più frenetica. E spesso, tra i mille impegni quotidiani a cui non sappiamo o possiamo rinunciare, ciò che viene sacrificato è il nostro sonno. Dormire da un minimo di 7 ore a un massimo di 8 ore e 45 minuti, l’ideale per il ritmo dell’orologio biologico umano, è ormai un miraggio. Con tutte le conseguenze negative sul sistema cardiovascolare, la tendenza ad ingrassare, l’umore e la capacità di concentrazione. Sarà anche per questo che molti cercano di recuperare nel corso della giornata. Anche sul posto di lavoro. Addirittura un quinto degli impiegati britannici ha ammesso di essersi addormentato sulla propria scrivania. Un terzo, invece, si ‘accontenta’ di un rapido pisolino in orario d’ufficio. E’ il risultato di una ricerca, condotta Lucozade Revive (produttore di un energy drink), su oltre 2mila intervistati nel Regno Unito. Il giorno in cui ci si assopisce più facilmente al lavoro? Il mercoledì. Quindi, se dovesse accadervi oggi, pensate di essere parte di un gruppo numeroso. “Con un bambino piccolo posso essere molto stanco dopo pranzo, soprattutto a metà settimana – afferma un padre 28enne, tra gli intervistati dal sondaggio britannico”. Secondo i dati della ricerca il tempo del sonnellino è compreso tra i dieci minuti e l’ora. La maggior parte dei lavoratori stanchi riposa 47 minuti. A sorpresa sono in maggioranza le donne che si addormentano sul posto di lavoro. Ben il 70 per cento del campione ammette che sperimenta un crollo pomeridiano almeno una volta a settimana. Contro il 58 per cento degli uomini. I più colpiti dalla pausa imprevista, oltre il 90 per cento, sono gli impiegati nel settore finanziario e contabile. Nel complesso, comunque, il tempo lavorativo ‘perso’ a sonnecchiare costerebbe 24 giorni improduttivi all’anno per ogni lavoratore inglese. Una cifra non da poco, pari a un decimo della retribuzione annua dell’impiegato medio. Il problema, quindi, è piuttosto serio. E ha un costo non trascurabile per le aziende. Il pisolino al lavoro, comunque, non è sempre un problema. Secondo una recente sentenza della Cassazione, infatti, se non si riscontra “una condotta colposa o comunque manchevole del lavoratore”, non può esserci licenziamento per “giusta causa”. Insomma, per dormire sul lavoro può esserci anche un momento giusto.



News letta: 1059 volte.
    Silvia Marano - newcitizenpress.com - 13/11/2013


-