Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Ottobre 2019 - Anno XI - numero 9 - Venerdì 18 Ottobre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

>>

Il dicembre più piovoso degli ultimi 50 anni

Esondazioni dopo due giorni di piogge intensissime, situazioni di allagamento in tutta la provincia di Varese. Superlavoro di vigili del fuoco e protezione civile

immagini_articoli/1388672153_piovoso.jpg

Finirà che quello che stiamo per lasciarci alle spalle sarà il dicembre più piovoso degli ultimi 50 anni e forse più. I dati del Centro Geofisico Prealpino arrivano solo fino al 1966, e da allora nulla di simile è stato riscontrato. Il “merito” sicuramente è dovuto alla “Tempesta di Natale” che il 25 e 26 dicembre ha sommerso d’acqua l’intera provincia di Varese, come tutto il nord e centro Italia. Se andiamo indietro nel tempo troviamo dei picchi simili solo nel 2003, quando caddero 204 mm d’acqua, e nel 2008 quando se ne registrarono 220. Allora però il fenomeno piovoso (ma soprattutto nevoso) fu molto più distribuito nel tempo mentre quest’anno di millimetri se ne sono registrati anche oltre i 220 ma solo nelle passate 48 ore. Sono stati portati dall’intensa perturbazione a bassa pressione che è passata sopra le nostre teste: correnti forti da sud-est che hanno trovato lo sbarramento contro le alpi e quindi si sono riversate in forti piogge su tutta la fascia prealpina. Il risultato sono stati i fiumi e laghi in piena e in molti punti le esondazioni (prevalentemente a sud della provincia e nel milanese). A salvare la situazione è stata un’infrastruttura in particolare: la diga di Gurone che, regolando il flusso dell’Olona, ha permesso di evitare i disastri che hanno riempito le cronache negli anni passati, il precedente dell’alluvione del 2009 vale per tutti. Situazione di allerta registrata anche sui laghi, il Maggiore in particolare, dove però i dati registrati non sono da record. Quello di Varese è arrivato a 80 centimetri sopra lo zero idrometrico (nel 2002 arrivò a 140), mentre il Lago Maggiore ha sfiorato i 195 centimetri sul livello del mare, al di sotto della soglia di guardia fissata a 195.5 quando il lago esondò su Laveno .Sono stati comunque due giorni di piogge intensissime che hanno creato situazioni di allagamento generalizzato in tutta la provincia con attimi di forte rischio in particolare in corrispondenza dei corsi fluviali. Le strade interrotte sono state numerose, valgano per tutte il ponte sul Tresa a Luino, le provinciali a Sesto Calende nei pressi del torrente Lenza, la provinciale tra Cislago e Gorla Minore per l’esondazione del Fontanile. Nel gallaratese a creare problemi sono stati il Rile e il Sorgiorile. A Laveno il lavoro della protezione civile è stato incessante e su tutto il territorio provinciale va rilevato il superlavoro dei vigili del fuoco che hanno corso per tutto il giorno su più di 200 situazioni di soccorso.



News letta: 1495 volte.
    Silvia Marano - newcitizenpress.com - 15/12/2013


-