Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Dicembre 2019 - Anno XI - numero 11 - Domenica 08 Dicembre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >
Luciano Di Muccio
Redazione Telematica di Novara - Giornalista

>>

UN VIAGGIO NEGLI STILI ARCHITETTONICI

immagini_articoli/1398508887_cattura.jpg

Gli italiani vivono nel Paese che possiede il più grande patrimonio artistico del mondo, ma in generale hanno scarse o nulle conoscenze in tale campo. Probabilmente, anzi sicuramente, viene sottostimata anche la potenzialità che tale patrimonio potrebbe avere in termini di economia nazionale. Da sempre anche in ambito scolastico la storia dell’arte è stata considerata una cenerentola e tale sua condizione si è ulteriormente aggravata con l’ultima riforma che l’ha addirittura estromessa da alcuni Istituti. Per molti di noi è esperienza quotidiana trovarsi davanti a un palazzo e non saperne individuare neppure a livello minimale lo stile architettonico di appartenenza. Eppure l’architettura è storia, legata com’è allo specifico culturale di ogni epoca. Volutamente tralasciando il periodo più antico che va dal greco al preromanico, gli stili architettonici in cui più frequentemente ci imbattiamo nei nostri giri turistici sono, in ordine temporale, il romanico, il gotico, il rinascimentale, il barocco, il neoclassico, e il liberty, seguiti dallo stile moderno, post moderno e contemporaneo. E allora che ne dite di un tuffo rapido rapido in questo mondo così affascinante? Ecco gli edifici, soprattutto chiese, dei sec XI e XII ed è lo stile romanico. Arcate cieche e lesene incidono le murature esterne; la facciata ti accoglie serena con il suo nartece e il suo portico, e spesso un rosone vi pavoneggia come inatteso gioiello. Dentro ai loro muri profondi , costruiti con conci regolari di pietra lasciati a vista o anche con mattoni, ti avvolge una religiosità scura e severa, anche perché le finestre erano poche e piccole, quasi a non far disperdere la preghiera. La planimetria più frequente è quella a croce latina; ecco l’abside con il coro e la navata ha la volta a botte che è uno dei più semplici sistemi di copertura non piana di spazi in genere rettangolari. . Penso alla Basilica di Sant’Ambrogio a Milano e al Duomo di Modena. Durante il periodo romanico però si assiste anche alla diffusione della volta a crociera in cui due archi diagonali che si incrociano convogliavano il peso della copertura sui quattro sostegni d’angolo e in questo modo alleggeriscono lo sforzo sulle pareti. Ti guardi attorno ed ecco l’armonia dell'arco a tutto sesto, così tranquillizzante nella sua chiara semicircolarità. E poi. E poi i muri si fanno meno spessi, la volta diventa a crociera ogivale, trionfa l’arco a sesto acuto; il peso della struttura, grazie anche al ricorso ad archi rampanti, si appoggia a pilastri che si ergono all’interno e sul perimetro, consentendo così di sostituire alla pietra di riempimento la leggerezza colorata delle finestre, grandi slanciate finestre, spesso vivacemente colorate. Nelle cattedrali entra così una spirituale suggestiva luminosità. Siamo nella seconda metà del sec XII e da nuovi obiettivi estetici e simbolici nasce lo stile gotico. Due nomi tra tutti? Il Duomo di Milano e la Basilica di Santa Maria Novella a Firenze. Le cattedrali gotiche sono ambienti luminosi che si slanciano verso il cielo e raggiungono altezze importanti, basti pensare alla Cattedrale di Notre- Dame di Parigi, ed ecco guglie, pinnacoli e le costolonature che si rincorrono su tutte le parti dell’edificio, come se dalla terra lunghe braccia si tendessero al cielo allo stesso tempo imploranti e osannanti.



News letta: 1880 volte.
    Luciano di Muccio - newcitizenpress.com - 09/03/2014


Sullo stesso argomento:

-