Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Gennaio 2021 - Anno XIV - Numero 12 - Sabato 22 Gennaio 2022
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

cultura e politica >>

La Damnatio Memoriae dell’ISIS

Parola d’ordine: cancellare qualsiasi traccia del passato, tutto ciò che risale a prima della nascita dello Stato islamico e che possa tramandarsi ai posteri. I militanti del nuovo Stato Islamico hanno deciso di estirpare le radici dai territori conquistati attraverso un sistematico saccheggiamento e una continua distruzione dei patrimoni archeologici dal valore inestimabile. L’Iraq, dove nacque la scrittura, l’architettura urbana, la legge e fu la culla della civiltà, oggi, soprattutto a nord del paese, è in preda alla barbarie dei miliziani dell’ISIS che hanno già distrutto o danneggiato, attorno a Mosul, numerosi siti archeologici. Le mura dell’antica cittadella di Tal Afar, il sito di Ninive, Nimrud, testimoni dell’antico impero assiro sono stati compromessi dal passaggio dei veicoli pesanti. I bassorilievi che rappresentavano le scene di caccia e di guerra e le sue statue colossali che raffiguravano il “lamassù”, creatura mitologica metà uomo e metà leone o toro, sono stati distrutti completamente. Per finire con Hatra, con i templi di età ellenistica e romana e Dur Sharrukin. L’Unesco sta prendendo misure preventive e il direttore generale Bokova dopo aver dichiarato crimini di guerra le distruzioni dell’ISIS sta cercando di anticipare le mosse e prevenire ulteriori perdite: nel nord della Siria i curatori di musei si stanno adoperando per coprire preziosi mosaici con sigillante e sacchi di sabbia. Le stesse precauzioni sono state prese anche nel museo nazionale di Baghdad che ha recentemente riaperto le sue porte dopo il saccheggiamento (di circa 15mila reperti) di 12 anni fa da parte le truppe statunitensi. La scelta di riaprire è stata in risposta alla distruzione di statue e artefatti custoditi nel museo di Mosul. Una mossa coraggiosa che si contrappone alla delirante volontà del Califfato di cancellare le tracce millenarie che gli uomini hanno lasciato su quelle terre, perché cedere al terrore e rinunciare al proprio passato significherebbe prima di tutto rinunciare al futuro del Paese. Un’ultima considerazione riguarda l’altra faccia della medaglia dell’ISIS: la distruzione di questi resti archeologici non è solo la barbarie dovuta alla nuova fede ma nasconde un retroscena che poco ha a che fare con la religione ed è il mercato nero di opere d’arte. L’ISIS costa in stipendi corrisposti ai combattenti, in armi, munizioni, veicoli, informatica. Spregiudicati collezionisti facoltosi sono pronti a pagare oro per inestimabili pezzi di storia dell’umanità, ben sapendo che i loro soldi si trasformeranno ancora in morte e distruzione.




News letta: 1127 volte.
    Loredana Masseria - newcitizenpress.com - 15/03/2015


Sullo stesso argomento:

-