Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Gennaio 2021 - Anno XIV - Numero 12 - Sabato 22 Gennaio 2022
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

>>

Omicidio stradale oppure Omicidio colposo

Solo nei primi mesi del 2015 vi sono già stati 160 episodi di pirateria stradale che hanno portato alla morte 18 innocenti. Le manifestazioni si moltiplicano nelle città italiane e riesplode la polemica sulla mancata legge che sancisce il reato di “omicidio stradale”. Il diritto che regola lo stato è formato da norme che spesso arrivano da gruppi di pressione formati da cittadini. In genere sono le battaglie per l’affermazione di diritti civili (aborto, divorzio, coppie di fatto, ecc.) che portano a spingono il Parlamento a legiferare in quel senso. Perché allora sull’omicidio stradale vi sono così tante resistente sia da parte di alcuni giuristi sia da parte di forze parlamentari? Il testo che si sta discutendo in commissione vorrebbe introdurre il reato di omicidio stradale prevedendo che “Chiunque ponendosi alla guida di un autoveicolo o di un motoveicolo o di altro mezzo meccanico in stato di ebbrezza alcoolica o di alterazione psico-fisica conseguente all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope cagiona per colpa la morte di una persona, è punito con la reclusione da 8 a 12 anni”. Tra i punti da rivedere ci sono le soglie per l’alcol e quelle per le sostanze psicoattive. Mentre non è stata presa in considerazione l’eventuale revoca della patente «proprio per sveltire l’iter del provvedimento - spiega il relatore Giuseppe Cucca (Pd) - questa misura è all’esame della commissione Lavori Pubblici dove si tratta la riforma del codice della strada». Secondo alcuni giuristi la questione non è quella di prevedere un nuovo reato ma basterebbe inasprire la pena. Attualmente il nostro codice penale prevede per l’omicidio colposo, ossia per chi causa un incidente stradale mortale, una pena che varia da 2 a 7 anni, che aumenta da 3 a 10 anni di reclusione se commesso sotto gli effetti di alcool o droghe. In molti altri paesi europei non esiste “l’omicidio stradale” ma, come in Italia, l’omicidio colposo; con pene addirittura inferiori come per il Belgio, Spagna, Germania e Danimarca. Fanno eccezione il Regno Unito e l’Olanda, dove si va da 9 a 14 anni. Il reato di “omicidio stradale” , secondo le considerazioni di molti giuristi di diritto penale, avrebbe delle implicazioni tecniche e giuridiche molto complicate e rischierebbe di creare molti più problemi di quanti ne risolva. Spostare l’analisi sull’evento, senza rilevare la componente psicologica che è il fondamento di un reato, escludendo l’elemento soggettivo, rischia la tipizzazione di un nuovo reato fuori dalle categorie della colpa, del dolo e della preterintenzione; inoltre, ipotizzare di introdurre un reato per ogni nuovo problema crea un circuito perverso: più reati introduciamo in un sistema ad azione penale obbligatoria, più scattano i procedimenti penali e più il meccanismo si intasa, causando quella sostanziale impunità determinata dalle migliaia di prescrizioni le quali diventano una amnistia di fatto e, per di più, di tipo classista.




News letta: 1109 volte.
    Loredana Masseria - newcitizenpress.com - 03/05/2015


Sullo stesso argomento:

-