Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Gennaio 2021 - Anno XIV - Numero 12 - Sabato 22 Gennaio 2022
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

>>

Il femminismo immaturo

immagini_articoli/1434397980_donne.jpg

La definizione di “femminismo” sul dizionario Treccani è stata così formulata: “Femminismo: Movimento di rivendicazione dei diritti economici, civili e politici delle donne; in senso più generale, insieme delle teorie che criticano la condizione tradizionale della donna e propongono nuove relazioni tra i generi nella sfera privata e una diversa collocazione sociale in quella pubblica”. Apparentemente dovremmo ritenerci soddisfatte dei risultati ottenuti dopo secoli di lotte. Quote rosa, Telefono rosa, Commissioni per le pari opportunità, e così via, potrei andare avanti con gli strumenti messi in atto per la difesa dei diritti delle donne. Eppure, se mi guardo intorno, negli ambienti di lavoro, all’interno della famiglia, nella società, non vedo molte donne “libere” e neanche così emancipate. La maggior parte di esse sono molto stanche, sottopagate, insomma "cariche". Abbiamo raggiunto un alto grado di parità tra i sessi ma, ancora, vi è la necessità di organismi e leggi a tutela di una conquista evidentemente non matura o, peggio, non riconosciuta. E ciò che indica il fallimento del femminismo non deriva da una bieca cultura maschile che si è imposta, ma sono le stesse donne che restano imbrigliate in contraddizioni storico-educative e nuovi atteggiamenti da “virago”. La donna italiana “media” non ci pensa più a dover rivendicare una parità di ruolo tra i sessi. Non ha tempo, ripropone ritmi e situazioni che ha visto nella propria famiglia di origine: sa che dovrà andare al lavoro, tornare casa senza dimenticare di fare la spesa, preparare la cena e, nel frattempo, magari, avviare la lavatrice, far fare i compiti, ripulire la cucina, stendere la biancheria e prima di dormire una “passatina” al bagno. La agognata conquista della parità tra i sessi si traduce nella realtà spicciola nell’aver ottenuto che il marito sparecchi o lavi i vetri o porti il cane a far pipì. Se osserviamo, invece, il mondo del lavoro, del sindacato, della politica alla donna si chiede di ricoprire un ruolo, per lo più, decorativo. Gli uomini si godono lo spettacolo della competizione - mai dichiarata - tra donne che mirano alla conquista di un ruolo nel gruppo sociale in cui vivono. Le donne non entrano, come gli uomini, in competizione diretta ma utilizzano forme di aggressività indiretta come il pettegolezzo, l'esclusione, gli sguardi cattivi e, una volta raggiunto il potere, adottano comportamenti e metodologie tipicamente maschili sviluppando, per finire, idee sessiste. Il femminismo fallisce perché le lotte che un tempo reclamavano maggiore equità e nutrivano un atteggiamento cooperativo e solidaristico tra donne, sono state soppiantate dall’emancipazione di tipo individualistico dove l’interesse principale è solamente la propria affermazione. Il femminismo fallisce ma la forza che ho potuto ammirare in ristretti gruppi di donne che difendono senza remore altre donne lascia sperare in un post-femminismo realizzato e più maturo.




News letta: 1109 volte.
    Loredana Masseria - newcitizenpress.com - 07/05/2015


Sullo stesso argomento:

-