Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Dicembre 2019 - Anno XI - numero 11 - Domenica 08 Dicembre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >
Bruno Renzi
Redazione Telematica di Milano - Giornalista

>>

Le Million, una commedia al limite del surreale

immagini_articoli/1432649813_download.jpg

Le Million rappresenta una delle opere paradigmatiche, forse addirittura il maggiore capolavoro di Clair. Film del 1931, la trama si basa, come già nel precedente Un Chapeau de Paille d'Italie, su un vaudeville omonimo scritto da Berr e Guillemaud alla maniera di Labiche. La vicenda, elementare, è riassumibile come un lungo unico inseguimento: i protagonisti, Michel e Prosper, dopo aver comprato un biglietto della lotteria vincente, vengono derubati della giacca che lo conteneva e cercano in ogni modo di rientrare in possesso del loro acquisto. Dopo un complesso, nonché celere passaggio di proprietà, il capo di abbigliamento con al suo interno il preziosissimo contenuto dai ladri è venduto ad uno straccivendolo, poi lo acquisisce una cantante d'opera, infine torna ai proprietari iniziali. Schiere di inseguitori ed un oggetto-motore della vicenda, uniti ad un intreccio circolare, sono anche in questo caso al centro della produzione filmica di Clair. Forse tuttavia l'affannata ricerca di un bene desiderato è solo uno spunto per il regista per concentrarsi su quello che questi ritiene il vero focus, ossia il linguaggio cinematografico. Lo stratagemma narrativo diviene infatti solo il mezzo per poter analizzare a pieno gli strumenti forniti, allo scopo di una innovativa lettura del reale, dalla nuova arte. Il convenzionale rapporto con tempo e spazio è rivoluzionato grazie a processi direttamente filmici quali il montaggio, i rallenti, le dissolvenze e le sovrimpressioni: lo spettatore è proiettato in una realtà dalle diverse coordinate, come un bambino costretto a ripartire dai fondamenti nella conoscenza del mondo e dei suoi elementi -come lo stesso autore si auspicava-. In questo contesto gli oggetti ed i personaggi stessi perdono ogni autonomia, non descritti nella loro individualità sono solo finalizzati all'azione, anch'essa strumento e fine della sintassi filmica. È un artefatto perfetto quello che l'autore crea, la silloge di aspetti a prima vista antitetici tra loro, desunti dai modelli prescelti: dalla comica americana alla Chaplin, alla struttura narrativa convenzionale, alle dinamiche irrazionali del cinema puro, alle tipiche vicende da vaudeville, tutto è fuso in maniera armoniosa.



News letta: 1206 volte.
    Bruno Renzi - newcitizenpress.com - 23/05/2015


Sullo stesso argomento:

-