Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Dicembre 2019 - Anno XI - numero 11 - Domenica 08 Dicembre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

>>

La Scapigliatura democratica e la descrizione dei sobborghi milanesi

A partire dal tardo Ottocento, con l’avvento della modernità, Milano subisce notevoli cambiamenti, sia nell’aspetto esteriore, che nella configurazione sociale. La propaganda regia, promuovendo il progresso urbano nel periodo immediatamente postunitario, poneva il capoluogo lombardo al centro di un’intensa opera di modernizzazione e di celebrazione come uno dei principali centri industriale e culturali in Italia. D’altra parte l’urbanizzazione nella “capitale morale” celava un lato meno edificante: gli esponenti delle avanguardie ne sperimentavano in prima persona gli aspetti più oscuri e li descrivevano nelle loro opere, opponendosi così alla retorica ufficiale. La raffigurazione del bohémien era allora sviluppata su più livelli e messa in relazione sia con la resa delle periferie urbane che con l’illustrazione dei tipi sociali appartenenti alle classi subalterne. In contrapposizione alla visione ufficiale, la Scapigliatura si contrapponeva dunque all’immagine edificante della metropoli e dei suoi abitanti e gli autori ad essa afferenti, vicini alle ideologie di sinistra promosse in quel periodo da Turati e Cameroni, si concentravano sulla registrazione dettagliata dei mali sociali, delle ipocrisie della classe borghese e della malagestione monarchica. Nei loro scritti una brutale disamina dei bassifondi era accompagnata dalla rassegna degli abitanti e dei frequentatori delle zone più misere della metropoli, resa in un crudo linguaggio verista. Si veniva quindi a creare un microcosmo, i cui protagonisti erano sfaccendati, donne di mondo, anziani indigenti e disperati, presentati in un susseguirsi di tableau vivant, ciascuno dedicato ad uno specifico contesto di disagio. Tra questi il letterato bohémien riproduceva un modello letterario tipico delle poetiche naturaliste e veriste, ma centrale anche nei brani dello scrittore scapigliato; riconducibile alla figura dell’emarginato, frequentatore di postriboli e quartieri malfamati che vive alla giornata, il personaggio era quindi rappresentativo di costumi ampiamente inneggiati e praticati dagli esponenti dell’avanguardia intellettuale ottocentesca, prima francese, poi italiana, di cui i sopracitati autori si sentivano partecipi.



News letta: 1364 volte.
    Bruno Renzi - newcitizenpress.com - 17/05/2015


Sullo stesso argomento:

-