Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Ottobre 2019 - Anno XI - numero 9 - Venerdì 18 Ottobre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

>>

True Detective Stagione 2: un inizio deludente

Molti, ammaliati dallo straordinario livello raggiunto dalla prima stagione di True Detective, hanno atteso con grande impazienza che il creatore, Nic Pizzolatto, replicasse con la stessa maestria la scelta di location evocative, la magistrale sceneggiatura (sempre ad opera sua) e direzione di un cast perfettamente nella parte tra cui spiccano Matthew McConaughey e Woody Harrelson. Ahimè non è stato così. In primo luogo gli interpreti questa volta non sono certo stati selezionati con la medesima cura; forse per pressioni dall’esterno, forse per la smania di replicare e dare nuova vita ad un attore prima conosciuto per ruoli del tutto differenti, i prescelti questa volta sono tutti fuori parte e poco plausibili. Da una parte i buoni, Taylor Kitsch e Rachel McAdams errano privi di espressione atteggiandosi a paladini, mentre paiono solo svampiti. Il perfido antagonista, Vince Vaughn, privo del supporto di una mimica facciale atta ad un ruolo così complesse, dovrebbe inscenare un geniale e spregiudicato uomo d’affari, ma è più vicino ad un australopiteco. Infine, forse il meno peggio, il poliziotto problematico, Colin Farrell, impersona sé stesso, ubriacone e trasandato, riuscendo un poco meglio dei suoi compari, ma non essendo certo un eccelso interprete delle mille sfumature del complesso animo umano. Non solo la parte attoriale è però carente; Anche location e trama non entusiasmano: l’una è una banale ripresa della Hollywood malfamata che Lynch e De Palma avevano già più che copiosamente ritratto nei loro più perversi anfratti, tra prostituzione e colletti bianchi; l’altra, la solita indagine noir su un potente magnate corrotto, con connivenza ovviamente della polizia locale, unisce tutti i possibili stereotipi a un ridicolo e mal spiegato colpo di scena all’episodio 3. Sebbene in partenza fiduciosi, pochi sono per ora i presupposti che lascino ben sperare, lasciando noi fan nostalgici della prima season a vacillare ormai in attesa che una netta inversione di rotta possa riportare in carreggiata la- per ora- assai deludente seconda stagione di True Detective.



News letta: 881 volte.
    Bruno Renzi - newcitizenpress.com - 13/06/2015


Sullo stesso argomento:

-