Dicembre 2018 - Anno X - numero 11 - Giovedì 17 Gennaio 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere per una consapevolezza della mente e del corpo    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

>>

CACCIA ALLA BALENA

immagini_articoli/1491296326_dffd.jpg

La caccia all’enorme mammifero è iniziata già nel medioevo dai popoli che abitavano sulle rive dell’atlantico. I più esperti nella caccia però erano i baschi: davanti a loro si estendeva il grande golfo di Biscaglia dove transitava e sostava la “eubalaena glacialis”, una piccola balena lenta nei movimenti e docile e per questo facile preda anche da parte di imbarcazioni primitive. Lo spesso strato di grasso delle balene rende impossibile la caccia usando le frecce per cui gli eschimesi della groenlandia, usavano intingere arpioni, frecce e fiocine in un veleno estratto dall’aconito. Tra i popoli che non abitavano sulle rive dell’atlantico i Giapponesi furono il popolo che si dedicò più attivamente alla caccia alla balena. Nei primi decenni del secolo XVIII minuscoli villaggi di pescatori divennero dei porti balenieri e si andò formando una popolazione di marinai e avventurieri attirati dal miraggio di guadagni facili. Fu chiaro in breve che ad arricchirsi furono gli armatori e i capitani delle navi mentre la paga del marinaio non era di certo altissima per cui si andò presto formando una figura chiamata “squalo”, un procacciatore di marinai per conto del capitano. Lo squalo, lusingava, prometteva e ricattava anche per riuscire a formare gli equipaggi richiesti. La vita all’interno di una nave baleniera era molto dura e improntata nella ricerca e la lavorazione del prodotto per cui lo spazio per i marinai era ridotto all’essenziale e, inoltre la paga non era altissima senza contare che lungo periodo che in trascorreva in mare senza vedere terra. I marinai alloggiavano nel castello di prua ossia una grossa cabina triangolare gremita di letti a castello dove la ciurma mangiava, dormiva e trascorreva i turni di riposo. Il capitano e gli ufficiali avevano invece delle comode cabine. Della balena non si butta via niente. La parte più ricercata è quella definita “ambra grigia”, sostanza resinosa, solubili in etere che si usa per la fabbricazione di profumi.



News letta: 535 volte.
    Mariangela Monaco - newcitizenpress.com - 15/01/2017


Sullo stesso argomento:

-