> Fabio Giudice >> " /> > Fabio Giudice >> " /> > Fabio Giudice >> newcitizenpress.com Testata giornalistica telematica di cultura, spettacolo, sport, cinema, attualit e politica " />
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Ottobre 2019 - Anno XI - numero 9 - Venerdì 18 Ottobre 2019
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

cultura >>

VOLANDIA, il Museo del Volo e l’aereo "Mundial"

immagini_articoli/1517331905_mundial1-750x400.jpg

 Nella fredda e nebbiosa brughiera della pianura padana, a due passi dall’aeroporto internazionale di Malpensa, sorge Volandia, un Museo che si pone l’ambizioso obiettivo di far conoscere la storia dell’aviazione mondiale e non solo.

In realtà è l’aeroporto stesso a essere nato qui, o almeno il suo primo nucleo. Correva infatti l’anno 1910 e nei pressi della cascina Malpensa - edificio settecentesco nel territorio di Somma Lombardo, Casorate Sempione, Lonate Pozzolo e Gallarate, in provincia di Varese – i fratelli Gianni e Federico Caproni, insieme al collaudatore Ugo Sandri Tabacchi, costruirono il primo hangar e, esattamente il 27 maggio di quell'anno, sperimentarono il loro primo prototipo di aeromobile.

Dopo pochi anni, per volere di imprenditori della zona, nacque l’Aeroporto di Città di Somma Lombardo poi Aeroporto Città di Busto Arsizio e, infine, Aeroporto di Milano-Malpensa.

Il Museo

L’ambizione di far conoscere la storia dell’aviazione mondiale è suffragata dalla circostanza che alcune fra le più importanti aziende del settore hanno sede in provincia di Varese: Caproni, Agusta, AermacchiSIAI-Marchetti sono infatti marchi conosciuti a livello planetario.

Volandia nasce quindi dal recupero delle storiche Officine Aeronautiche Caproni. Al museo si aggiunge un parco, per un’estensione complessiva di oltre 60.000 mq.

La struttura, in continua espansione, comprende ben 13 Aree, in cui si può viaggiare nel tempo spaziando dai primi voli pioneristici fino ai più moderni prodotti della tecnologia aeronautica.

Ma vediamo nel dettaglio.

Ala Fissa

Si tratta di un’esposizione cronologica e a tema che spazia dai primi velivoli ad elica fino ad arrivare ai moderni aerei con motore a reazione. Dal volo in mongolfiera, alle grandi imprese con il Bleriot XI, aereo con cui nel 1909 fu compiuta la prima traversata aerea della Manica e l’Idrovolante Gabardini, biplano monomotore per l’addestramento acrobatico.

Si può ammirare un esemplare di Douglas DC-3 Dakota, l’aereo principe, negli anni trenta e quaranta, per il trasporto dei passeggeri. Per poi arrivare al moderno Convertiplano, bimotore ad uso civile realizzato da Leonardo (la ex Finmeccanica), che fonde volo orizzontale e verticale (si veda più avanti).

La conquista dello spazio e il planetario

La storia della conquista dello spazio, dal primo volo di Yuri Gagarin, alle missioni Apollo (si può vedere la capsula Apollo a grandezza naturale), all'epopea dello Shuttle, alla ISS (la stazione spaziale orbitante); sono esposte anche alcune tute usate dagli astronauti.

Questo padiglione è gestito dalla Fondazione Osservatorio Astronomico di Tradate, FOAM13 e realizzato con la collaborazione dell’Agenzia Spaziale Italiana, dell’European Space Agency e di Leonardo Finmeccanica.

Le forme del volo

Vengono presentati i vari tipi di volo (a vela, ad ala fissa e rotante) tramite i relativi velivoli, nella produzione dei quali eccelle l'industria aeronautica lombarda.

Il primo volo a Malpensa

Si tratta della ricostruzione del primo volo sulla brughiera di Malpensa, di cui già si è detto, realizzato dal biplano Caproni Ca.1 (unico esemplare al mondo) il 27 maggio del 1910.

Le Officine dei Fratelli Caproni

Nel padiglione è stata ricostruita l'officina dove venivano costruiti i velivoli Caproni. Si tratta della prima ditta aeronautica del XX secolo.

Il padiglione Ala Rotante

Qui si può conoscere la storia dell'impiego dell'elicottero in ambito civile e militare.

Area Simulazione volo, biblioteca, sala proiezioni, sala convegni e archivio storico

Vi è poi una zona dedicata alla simulazione del volo, messa a disposizione dei visitatori; una biblioteca, una saletta per le proiezioni, una sala convegni e un archivio storico.

La collezione Piazzai

Molto interessante. Si tratta di una rassegna che racconta la storia dell'aeronautica e la sua evoluzione: da Leonardo da Vinci e i suoi studi, avveniristici per la sua epoca, ai pionieri degli inizi del XX secolo, fino al terzo millennio e i suoi attuali velivoli civili e militari. L'esposizione comprende oltre 1200 modelli in scala.

Il futuro del volo

Si narra la storia di AgustaWestland e del Convertiplano -AW 609-, innovativo velivolo che unisce la flessibilità dell’elicottero alle prestazioni di un aereo (volo verticale e volo orizzontale).

Il Museo Flaminio Bertoni

Si raccontano la vita e le opere del famoso scultore e “stilista d'automobili” varesino, Flaminio Bertoni, designer che lavorò molto in Francia, alla Citroen; sono esposte le automobili, i disegni e le sculture da lui realizzati. In passato, a Varese, gli era stato dedicato un museo adesso trasferito qui.

Il Museo dei Trasporti Ogliari

Si tratta di una originale raccolta di tram, locomotive, funicolari dal XVIII secolo alla metà del XX, di proprietà della famiglia Ogliari. Anche in questo caso, in passato era stato creato un museo a Ranco, in provincia di Varese, poi trasferito a Volandia e riaperto al pubblico il 4 settembre 2015.

Il padiglione dei droni

Non poteva mancare un padiglione dedicato ai droni: casi di sperimentazione di nuove tecnologie di volo e la stampa 3D; vi è la possibilità di effettuare simulazioni di volo , partecipare a workshop informativi su cos'è e come si progetta un drone e assistere a demo di stampa 3D.

La collezione Bertone

Eccezionale esposizione di esemplari realizzati da Nuccio Bertone, il celeberrimo designer torinese, e dall'azienda che portava il suo nome, fondata dal padre Giovanni.

Il Museo Bertone non è ancora stato inaugurato ufficialmente (lo sarà nel 2018), ma si possono già ammirare ben 76 auto, una moto e una bicicletta, provenienti dalla storica fabbrica di Caprie in Val Susa, alle porte di Torino.

Fra i “gioielli” esposti spicca una Lamborghini Miura S del 1967, presentata al Salone di Ginevra del 1966; l’Alfa Romeo Giulia SS del 1963; la Lancia Stratos HF.

Molto interessanti anche diversi prototipi: la BMW Birusa, la Porsche Karisma, la Ferrari 308 GT4 Rainbow, l’Aston Martin Rapid Jet, le due Jaguar PU99 e la Bertone Birusa.

Proprio quest'ultima fu realizzata, nel 2003, probabilmente in omaggio a Eva Marzone, motociclista torinese degli anni Trenta, nota proprio con il soprannome di birusa che in dialetto piemontese significa audace, coraggiosa.

L'aereo Meridiana

Volandia possiede un MCDonnell Douglas MD-82 di Meridiana, meglio conosciuto come MD 80, acquistato al prezzo simbolico di 1 euro. Un aereo che ha fatto la storia dell'aviazione commerciale, a partire dal 1984, quando entrò in servizio.

Volandia e l'aereo “Mundial”

Chi non ricorda la famosa partita a scopone tra Causio, Zoff, Bearzot e il Presidente della Repubblica Pertini sull'aereo che riportava in Italia la Nazionale di calcio Campione del Mondo 1982?

Ebbene le poltrone e il tavolino utilizzati dai protagonisti in quell'occasione sono visitabili qui a Volandia. Sul tavolino sono state collocate delle carte e naturalmente una copia a grandezza naturale della Coppa del Mondo; quest'ultima, in realtà è stata fissata in modo da non poter essere asportata...

L'aereo presidenziale di quel viaggio “Mundial”, a differenza di quanto riportato da diversi media, in realtà non c'è più, perché danneggiato in un incidente e poi demolito nel 1999.

Il DC-9 è in realtà un gemello

Ce n'è un altro, un DC-9 gemello e identico in ogni aspetto, che è possibile visitare. Questo aereo fu utilizzato dallo stesso Pertini, ma anche da Cossiga, Scalfaro e, in diverse occasioni, anche da Papa Giovanni Paolo II.

Aree giochi interna ed esterna e area picnic

A Volandia vi sono infine due aree per i più piccoli, una interna e una esterna; in quest'ultima giochi a tema volo, spazi verdi con tavoli e panche per un rilassante picnic con vista su Malpensa.



News letta: 853 volte.
    Fabio Giudice - newcitizenpress.com - 30/01/2018


Sullo stesso argomento:

-