Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Marzo 2020 - Anno XIII - Numero 2 - Giovedì 09 Aprile 2020
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     OTHER ITEMS >

Scienze e Psicologia >>

La povertà influisce sull'intelligenza

Rapporti di Ricerca clinica sui fattori predittivi dello sviluppo cognitivo

immagini_articoli/1576776961_2019-12-19_18_33_52-window.png

Uno studio senza precedenti effettuato sui bambini dei quartieri poveri del Bangladesh mostra gli effetti negativi della cattiva nutrizione e delle cattive condizioni igieniche sullo sviluppo cerebrale. Già dagli anni 60 l'ipotesi che elementi di malnutrizione potessero influire sullo sviluppo delle attività cerebrali lo si era intuito. Reynaldo Martorell, specialista in nutrizione infantile dell'Emory University di Atlanta, sostiene non a caso l'intervento delle Banca mondiale a pensare ai primi interventi nutrizionali come investimenti a lungo termine sulla salute umana.

La fascia è circoscritta nei primi anni di vita,  con condizioni avverse alimentari e di malattie diarroiche come fattore predittivo di deficit intellettivi e di mortalità. Ad influenzare il quadro della salute e dello sviluppo cerebrale e delle sue funzioni non sembrerebbero essere solo le condizioni alimentare ma anche le funzioni sociali di povertà come elemento presente nella famiglia. Un flusso costante di ricerche da parte di psicologi e altri scienziati ha messo in luce il divario tra la perfezione dei bambini poveri e benestanti su quasi ogni misura dello sviluppo cognitivo, tra cui memoria di lavoro, regolazione degli impulsi e abilità linguistiche. I ricercatori dell'Università della California, Berkeley hanno presentato risultati ancora più definitivi sulle differenze di sviluppo tra bambini a basso e alto reddito. Nella ricerca pubblicata su Journal of Cognitive Neuroscience Vol. 21 n. 6 pubblicato da Mark KishiYama PhD, uno degli autori dello studio, che ora lavora all'ospedale Martinez, in California afferma su un campionamento effettuato di bambini senza danni preesistenti cerebrali, nessuna esposizione prenatale a droghe o alcool ,delle differenze nelle performance cognitive, nella funzionalità e nell'efficienza intellettiva,  ponendo inoltre una considerata accentuazione ai fenomeni di delle prove di discriminazione e concentrazione. Nello studio clinico , inoltre, venivano raccontate due storie contemporaneamente .Tutti i bambini hanno ricordato la storia, ma i bambini che vivevano nelle abitazioni e famiglie svantaggiate hanno avuto più problemi a bloccare gli stimoli di distrazione . I loro cervelli, dicono i ricercatori, devono lavorare di più per svolgere lo stesso compito, una difficoltà che potrebbe rendere più difficile concentrarsi sulle istruzioni degli insegnanti o sui compiti in classee che nel tempo influirebbero sulle variabili dell'apprendimento in fase adulta. 




News letta: 158 volte.
    Nicola Crozzoletti - newcitizenpress.com - 19/12/2019


Sullo stesso argomento:

-