Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Giugno 2020 - Anno XIII - Numero 5 - Mercoledì 03 Giugno 2020
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

>>

Ansia, paura ed angoscia

immagini_articoli/1584565856_2019-10-30_11_49_32-window.png

In queste settimane di forte tensione mondiale per via della diffusione del COVID-19, si sentono spesso queste tre parole “paura, ansia e angoscia” pronunciate da medici e psicologi. Come studentessa di Psicologia mi sono da subito interessata dell’impatto nella vita delle persone dovuto a questo virus, arrivato improvvisamente e praticamente sconosciuto.

Nonostante questi vocaboli sembrino avere tutti lo stesso significato, ci sono delle forti differenze che vanno tenute in considerazione a prescindere dalle interpretazioni esse hanno un significato condiviso ben chiaro. Partiamo dalla definizione di “paura”. Si tratta di un’emozione, più o meno intensa, che si verifica in presenza di un pericolo. In psicologia è considerata un elemento funzionale poiché ci mette in guardia da eventuali minacce. Segue uno stato di attivazione neurofisiologica che consente all’individuo di rispondere correttamente allo stimolo. In questo contesto è necessario citare il ruolo fondamentale dell’amigdala nella regolazione delle emozioni basiche, tra cui la paura.

Si tratta di una struttura a forma di mandorla che risiede nella regione rostro mediale del lobo temporale e si occupa di processare tutte le reazioni emotive. Joseph LeDoux è stato il primo a scoprire che l’amigdala allarma il cervello per far fronte ad una specifica emergenza. Infatti, è proprio l’ amigdala a metterci in stato di allerta in condizioni che potrebbero essere potenzialmente pericolose. Questa situazione, che potrebbe essere dannosa, rimarrà per sempre impressa nella nostra memoria in modo tale da non ripetere lo stesso “sbaglio” . A confermare questa teoria sono gli studi fatti su soggetti con amigdala danneggiata; si è visto come non fossero in grado di individuare situazioni rischiose.

L’ansia è sempre uno stato psichico dell’individuo, caratterizzata da una forte preoccupazione, che subentra quando non vi è una giusta risposta di adattamento da parte dell’organismo ad una certa situazione che rappresenta un forte stress per la persona, ach'essa partecipa ad uno stato adattivo, ma in certe circostanze si parla di “disturbi d’ansia” quando la sua forma diventa patologica e limitante nella vita quotidiana del soggetto. L’ansia presenta anche quattro diverse componenti. Una cognitiva (senso di incertezza nei confronti del pericolo), una somatica (reazioni fisiologiche, come l’aumentata frequenza cardiaca), una emotiva (senso di terrore e panico) e, infine, una comportamentale (comportamenti volontari o non messi in atto). Infine, l’angoscia, può essere descritta come il picco massimo dell’ansia. Una spiacevole sensazione paralizzante, definita anche come una “paura senza nome”, per questo motivo non è più solo minacciosa, ma spesso anche catastrofica per l'integrità della persona.




News letta: 92 volte.
    Claudia Lucchini - newcitizenpress.com - 18/03/2020


Sullo stesso argomento:

-