Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Settembre 2020 - Anno XIII - Numero 8 - Sabato 31 Ottobre 2020
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

>>

La biofilia

immagini_articoli/1601481174_area_schermo_(1)_(1)_(1).jpg

Noi esseri umani siamo attratti da tutto ciò che riguarda la natura e ricerchiamo continuamente un contatto con le diverse forme naturali.

Nel 1984, grazie agli studi di Edward O. Wilson abbiamo potuto dare un nome a questa forte propensione, “biofilia”. Wilson la definisce, all’inizio delle sue ricerche, come “la tendenza innata a concentrare il proprio interesse sulla vita e sui processi vitali”. Successivamente, grazie ai vari approfondimenti biologici e psicologici, riesce ad ampliare questa definizione aggiungendo che la biofilia è “l’innata tendenza a concentrare la nostra attenzione sulle forme di vita e su tutto ciò che le ricorda e, in alcune circostanze, ad affiliarvisi emotivamente”. E’ ormai risaputo che stare immersi nella natura ci procura benessere, dandoci grossi benefici fisici e mentali.

Ma quali sono gli elementi naturali maggiormente incisivi per la psiche umana? Innanzitutto è doveroso specificare che, quando ci troviamo in mezzo alla natura, i nostri cinque sensi si attivano e svolgono un ruolo fondamentale. Il senso considerato “dominante” è quello della vista. La vista ci permette di dare un significato alle onde luminose che arrivano dall’esterno e di creare nella nostra mente un’immagine del mondo che ci circonda. L’immagine di un determinato paesaggio può trasportarci ad un preciso momento della nostra vita, presente o passato, che consideriamo piacevole. Non è un caso se le cosiddette “meditazioni visuali” vengono effettuate chiedendo al soggetto di visualizzare una montagna, un lago o il mare. La montagna, infatti, si rifà alla solidità della pietra, la maestosità e l’attaccamento al suolo. Il mare e il lago alla duttilità dell’acqua, alla loro trasparenza o torbidità, le onde o la placidità dell’acqua ferma. La vista di questi luoghi infonde nelle persone un forte senso di relax e benessere, di evasione dalla vita frenetica di tutti i giorni. Il secondo elemento essenziale è, appunto, la presenza d’acqua. Essa è da sempre associata alla vita. In psicologia è legata all’inconscio e alla vastità del mondo interiore. Secondo diversi studi effettuati sull’ascolto dello scorrere dell’acqua è emerso come questi suoni sollecitino il cervello a produrre endorfine, sostanze chimiche dotate di una potente attività analgesica ed eccitante. Secondo Wallace J. Nichols, l’effetto di queste sostanze si ripercuote positivamente su quella che viene definita come “condizione di disagio quotidiano” (stress, ansia ed iperattività). Vedere, o meglio ancora, ascoltare i suoni prodotti dall’acqua fa produrre onde cerebrali lente ed ampie, simili a quelle presenti nella fase REM, introducendoci in una fase di profondo rilassamento.

Un’altra caratteristica immancabile è il silenzio. Purtroppo la colonizzazione culturale di matrice urbano-centrica si è impossessata di quasi tutti gli ambienti che ci circondano, portando ad un crescente inquinamento acustico. Siamo bombardati quotidianamente da rumori che il nostro cervello percepisce come sgradevoli. La “fuga” nella natura ci consente di entrare in empatia con l’ambiente e con il paesaggio anche grazie alla presenza del silenzio. Goethe affermava che:”la montagna è maestra muta di discepoli silenziosi”. La “terapia del silenzio” non può che far riferimento alla montagna e a pochi altri ambienti silenziosi. Infine, è importante trovare il clima giusto. Infatti, i cambiamenti di temperatura, meteo e luminosità possono avere effetti sulla psiche e sull’organismo. La maggior esposizione al sole e all’aria aperta di montagna favoriscono il rilascio di serotonina, un neurotrasmettitore molto importante in termini di felicità, si tratta della sostanza chimica in grado di mantenere in equilibrio il nostro umore, la sua riduzione è significativamente legata alla comparsa di depressione. In breve, la luce ci aiuta a sentirci felici e attivi, aumentando la predisposizione alle relazioni sociali e diminuendo la quantità di pensieri negativi o stressanti.




News letta: 64 volte.
    Claudia Lucchini - newcitizenpress.com - 28/09/2020


Sullo stesso argomento:

-