Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Settembre 2020 - Anno XIII - Numero 8 - Sabato 31 Ottobre 2020
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

>>

Odio e violenza, la prigione dell’uomo

immagini_articoli/1601481891_area_schermofo_(1).png

L'uomo non è una creatura mansueta, bisognosa di amore, capace al massimo di difendersi quando è attaccata, altruista, fatta per vivere con il proprio simile nella pace e nella solidarietà, ma è originariamente un essere – per la tragedia greca l'essere più "stupendo" e più "tremendo" (deinon) – che porta con sé una crudeltà e una capacità criminogena che spaventerebbero anche gli animali più feroci, un'ostilità primaria verso i suoi simili che non ha paragoni. Queste parole si possono leggere direttamente da Freud, il padre della psicanalisi. La società e il mondo evolvono nel loro insieme, ma l’uomo conserva sempre un animo ancestrale, una parte antica indissolubile, con i suoi pregi e i suoi difetti. Ma da dove si origina l’odio ingiustificato? Come si sviluppa dentro di noi il pensiero che l’altro è sbagliato ed è causa dei nostri mali e che quindi va punito? Una mente molto sviluppata porta progressi, ma può portare anche pensieri insani, oscuri, che recano insoddisfazione e risentimento e che spesso, per via del loro peso insopportabile sull’animo, vengono portati fuori e proiettati sull’altro per essere tollerati più facilmente. Così, con questo stratagemma della nostra stessa mente avremo l’impressione che sia l’altro la causa dei nostri mali e ci sentiremo in diritto di porre fine alla sua felicità, nella speranza di raggiungere la nostra.

Ciò che inevitabilmente si ottiene come risposta alla violenza è altra violenza; quando qualcuno attua comportamenti vili verso di noi, soprattutto se ingiustificati, la prima azione inconscia che saremo portati a fare sarà la difesa è quasi sempre di conseguenza l’attacco, in qualsiasi sua forma o la vendetta. Quasi mai il meccanismo indotto inconsciamente è quello di porgere l’altra guancia o il perdono incondizionato, di fronte a grosse ingiustizie e violenze gratuite. Nonostante l’arma più forte per porre fine a questo ciclo continuo di violenza sarebbe, probabilmente, quella di troncare il circolo vizioso della vendetta e perdonare, redimere l’aggressore, è dura non giudicare chi ha compiuto la violenza, farla “passare liscia” a chi ha compiuto il gesto indicibile; ci si chiede: “Perché chi ha fatto questa atrocità dovrebbe poter continuare a vivere come se niente fosse?”.

Il risentimento dovrebbe essere un prezzo abbastanza caro da pagare, ma questo viene provato solo quando si ha realmente consapevolezza dell’errore compiuto, del male del proprio gesto, ma non sempre il meccanismo è così semplice. Molte violenze vengono ancora perpetrate perché considerate “necessarie” o addirittura “giuste” (la storia non ce lo insegna forse?) Allora dove sta il confine? Dov’è quella linea sottile che ci divide dall’essere vittime o carnefici? Chi ha il diritto di essere redento e chi no?

Sono domande alle quali forse non si troverà mai risposta; i peccati dell’uomo sono tali solo se giudicati peccaminosi, ma da chi? Adesso (e da sempre) dal più forte, da chi aveva più visibilità nella società, da chi aveva il potere di farsi ascoltare, ma non sempre chi ha questo potere ne ha anche il diritto e buone intenzioni. Rimaniamo quindi imprigionati in un circolo vizioso sudicio, dove chi giudica i peccatori è peccatore a sua volta. Non si torna forse così al tema del perdono come unico mezzo per porre fine a tutto questo? E di conseguenza non sorge un’altra volta il problema di chi ha il diritto di essere perdonato e del “chi ci dice che, una volta perdonato, il violento non ripeterà il suo gesto?” Ci sono così tante variabili che sembra impossibile trovare una soluzione efficace. Ma mentre tentiamo di capire cosa sia obiettivamente giusto e cosa sbagliato, fuori la violenza continua a regnare sovrana e ad agire, imprescindibile, inarrestabile, proprio come un virus che cambia sempre la sua forma e si insinua silenziosa dentro di noi per portare avanti la sua opera.




News letta: 28 volte.
    Alice Chisotti - newcitizenpress.com - 28/09/2020


Sullo stesso argomento:

-