Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Novembre 2020 - Anno XIII - Numero 10 - Lunedì 30 Novembre 2020
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

>>

Covid 19: cosa porterebbe un secondo lockdown?

immagini_articoli/1604254187_annotazione_2020-05-11_101650.jpg

E’ ormai da un paio di mesi che i dati a proposito del contagio da Covid-19 sono tornati a salire rapidamente. La domanda che molti psicologi si sono fatti è stata “quali ripercussioni psicologiche potrebbe produrre un altro lockdown?” Ogni giorno e ogni ora veniamo bombardati da notizie riguardanti il virus su qualsiasi piattaforma, dai telegiornali ai social network. E’ diventato praticamente impossibile non pensare ad una possibile richiusura totale visto l’alto numero di tamponi positivi nel nostro Paese.

Secondo David Lazzari, Presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi, un altro lockdown sarebbe insostenibile per gli italiani. Infatti, siamo ancora reduci della prima ondata che, per tutti, è stata devastante con livelli molto alti di stress. Secondo uno studio effettuato dall’Università di Tor Vergata e l’Università dell’Aquila, nel corso della prima quarantena, i livelli di disturbi correlati allo stress erano ben “5 volte superiori alla norma”. Pare che le più colpite siano le donne, innanzitutto perché più soggette a disturbi traumatici stress-correlati e al disturbo depressivo. In secondo luogo poiché le donne rappresentano un ruolo chiave all’interno della famiglia, portando equilibrio e rassicurazione. Sarebbero loro le più impaurite dal rischio contagio per sé e i propri cari. Il lockdown è stato un vero e proprio shock poiché ci siamo ritrovati chiusi in casa e paralizzati dalla paura da un giorno all’altro. I casi di depressione degli ultimi mesi sono aumentati del 40%, portando nei casi più estremi al suicidio collegabile alla paura della malattia, al forzato isolamento sociale e alle disastrose condizioni economiche. Purtroppo, nella prospettiva di una seconda quarantena, la depressione tenderà ad aumentare sempre di più, portando ad un uso più frequente di psicofarmaci, così come è stato per la prima ondata. Ciò che preoccupa maggiormente i professionisti è il fatto che, se mal assunti, possano provocare dipendenza.

Secondo Massimo Di Giannantonio, Presidente della Società Italiana di Psichiatria, ci sarò un rischio più alto di trasformazione di ansie e malesseri in psicopatologie per le persone più fragili e vulnerabili. E’ proprio in questo momento che entrano in azione due sistemi fondamentali di funzionamento della mente umana: la resilienza, ovvero la capacità di un individuo di affrontare e superare un periodo di difficoltà e l’adattamento. Altri fattori che andrebbero ad intaccare il nostro benessere psicologico sarebbero: l’alterazione del ritmo sonno-veglia, l’aumento di ansietà diurna, e la difficoltà nell’ambiente di lavoro. Tutto ciò favorirebbe anche gravi crisi di panico.

Citando l’enunciato dell’OMS “non ci può essere la salute del corpo se non c’è la salute della mente”, la pandemia rappresenta un’enorme minaccia alla salute mentale poiché intacca la propriocezione e le relazioni col mondo esterno.




News letta: 209 volte.
    Claudia Lucchini - newcitizenpress.com - 28/10/2020


Sullo stesso argomento:

-