Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Novembre 2020 - Anno XIII - Numero 10 - Lunedì 30 Novembre 2020
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

>>

Sindrome da burnout: perché è importante conoscerla ai tempi del Covid-19?

immagini_articoli/1606143082_jpeg_bournout.jpeg

Il termine “burnout” significa letteralmente “bruciato, esaurito”. Ma di che cosa si tratta e chi colpisce questa sindrome? Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) è una sindrome da stress cronico malgestito legata al contesto occupazionale. Dal 2019 è riconosciuta ufficialmente come “sindrome” ed è entrata a far parte dell’ICD (International Classification of Diseases). E’ fondamentale specificare che questa sindrome fa riferimento solamente al contesto lavorativo e non riguarda altri ambiti della vita. E’ possibile individuare questo disturbo attraverso questi sintomi: 1) sentimento di debolezza fisica e mentale, una sorta di esaurimento 2) aumento di pensieri negativi nei confronti del proprio lavoro 3) ridotta efficienza professionale col passare del tempo E’ molto importante scovare questa sindrome poiché indica una situazione a rischio, di grande logoramento psicofisico per l’individuo. Questa condizione può portare dei seri problemi, dalle difficoltà nella sfera relazionale fino ad una costellazione di sintomi come insonnia e disturbi psicosomatici. In tempi di Covid-19 questa sindrome colpisce, in particolar modo, medici, sanitari e operatori dell’emergenza. Con l’arrivo della seconda ondata, la situazione si è esasperata. Questo avviene perché questi specifici lavoratori non hanno più degli orari di lavoro ben precisi, quindi, non riescono mai a staccare completamente dal loro lavoro. E’ diventato praticamente impossibile per loro separare la professione dalla vita personale. A tutto questo bisogna aggiungere una perdita di ore di sonno e di controllo della situazione e la mancanza di informazioni adeguate. Secondo uno studio pubblicato qualche mese fa su JAMA Network Open, il personale medico ha riferito di provare questi disturbi: ansia, insonnia e disagio psicologico generalizzato. Cosa si può fare per arginare il problema? Sicuramente prendersi una pausa, concentrarsi sul futuro e fare esercizi di rilassamento può aiutare molto. Nel caso degli operatori sanitari, però, questo non può sempre avvenire. In questi casi è importantissimo rielaborare in modo corretto l’esperienza vissuta, facendosi aiutare da psicologi e psicoterapeuti. Si è dimostrata estremamente efficace e valida la psicoterapia cognitiva comportamentale poiché cerca di modificare certe abitudini lavorative e suggerisce misure utili a combattere il distress quotidiano. Un altro trucchetto utile è quello di potenziare la resilienza sia degli operatori che di tutti noi, poiché non sappiamo ancora per quanto tempo dovremo convivere con questa pandemia.




News letta: 127 volte.
    Claudia Lucchini - newcitizenpress.com - 20/11/2020


Sullo stesso argomento:

-