Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Gennaio 2021 - Anno XIV - Numero 12 - Sabato 22 Gennaio 2022
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >
Alice Chisotti
Redazione telematica di Torino - Giornalista

>>

Il gioco del pallone dell’America centrale fra svago e religiosità

immagini_articoli/1617555369_annotazione_2020-05-11_101650.jpg

Un gioco come quello del pallone sembrerebbe ben lontano dal nostro concetto di “religioso”, ma non per i popoli precolombiani dell’America centrale, per loro infatti questo gioco rappresentava sia una forma di svago che una vera e propria celebrazione religiosa. È considerato lo sport di squadra più antico del mondo, vecchio di 2500 anni. Questo gioco era praticato in onore delle divinità, in particolare rappresentava la battaglia rituale tra il Dio del sole e della guerra Huitzilopochtli e sua sorella Coyolxauhqui, la luna; simboleggiando il sole che ogni giorno vince contro la luna per dare luogo al giorno. La palla rappresentava proprio il sole, per questo motivo non doveva mai toccare per terra, i giocatori invece erano protetti e appoggiati dagli Dei e venivano scelti fra i migliori guerrieri. Le regole variano in base alle diverse versioni del gioco, ma solitamente i giocatori erano divisi in due squadre da 2 o 4 giocatori e dovevano colpire la palla con i fianchi oppure con i gomiti e le caviglie come in altre versioni. Inizialmente l’obiettivo del gioco era quello di non far cadere la palla per terra, ma successivamente furono introdotti dei cerchi di pietra attaccati al muro, nei quali andava fatta passare la palla per conseguire la vittoria. Non è ben chiaro come terminasse il rituale, alcuni storici sostengono che la squadra perdente venisse sacrificata alle divinità, altri invece ritengono che fosse il vincitore ad essere offerto in sacrificio; con più certezza possiamo invece affermare che, con o senza sacrifici, fosse un gioco particolarmente brutale, il pallone era in caucciù e poteva pesare dai 2 ai 4kg, superfluo affermare quanto potesse far male se ricevuta in faccia o in altre parti delicate del corpo, in alcuni casi poteva persino causare la morte. Rimarranno oscure la maggior parte delle dinamiche intorno a questo gioco ricco di significati e simbologie per le culture antiche, ma la sua pratica non è stata persa nel tempo, la tradizione orale ne ha preservato la pratica fino ai giorni nostri e sta risorgendo grazie ad adulti, bambini e squadre che lo praticano tutt’oggi.




News letta: 1143 volte.
    Alice Chisotti - newcitizenpress.com - 07/01/2021


Sullo stesso argomento:

-