Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Gennaio 2021 - Anno XIV - Numero 12 - Sabato 22 Gennaio 2022
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >
Alice Chisotti
Redazione telematica di Torino - Giornalista

>>

Il ruolo dello sport nell’abbattimento dei canoni classici e rigorosi della moda di un tempo

immagini_articoli/1617556101_annotazione_2020-05-11_101650.jpg

I vestiti, per secoli, sono stati simbolo di status sociale, separavano in maniera chiara e netta i ricchi dai poveri e gli uomini dalle donne; dunque come siamo arrivati alla moda moderna che comprende una grande libertà nel vestire sia fra i sessi che fra le classi sociali? Oggi siamo abituati a mostrarci liberamente in pubblico indossando vestiti sportivi e “casual”, senza essere criticati in nessun modo; persino i personaggi pubblici più abbienti si esibiscono con i capi d’abbigliamento più informali e semplici. La moda è spesso stata veicolata nel tempo dai cambiamenti sociali e politici, che ne cambiavano le caratteristiche come a simboleggiare una vera e propria presa di potere. Ma in questo articolo vorrei soffermarmi su un cambiamento sociale in particolare, ovvero la crescita del tempo libero per le classi popolari dei paesi industrializzati, in seguito alle lotte per la regolamentazione delle ore di lavoro. Questo grande cambiamento sociale porto le persone ad impiegare il loro tempo libero in differenti attività, incluso lo sport. Iniziarono così a nascere le prime palestre, ispirate all’ideale di forma fisica, salute e grazia dei greci antichi. Inizialmente i vestiti utilizzati per lo sport erano scomodi e decisamente inadatti, al solo scopo di conservare lo stesso rigore mostrato in pubblico; ma ben presto iniziarono a mutare per raggiungere una forma più adatta e confortevole, questo soprattutto per via del fatto che le palestre erano spazi privati e dove i due sessi erano separati. Iniziarono così ad apparire i primi abiti sportivi, più ampi e sciolti per garantire libertà di movimento e nacquero anche i primi vestiti terminanti in pantaloni per offrire migliore mobilità anche alle donne che praticavano sport. Ma raggiunto questo traguardo, non si fermarono e iniziarono a lottare perché questo stile venisse accettato anche in ambito pubblico; i vestiti normalmente accettati all’epoca rappresentavano una vera e propria forma di repressione, assoggettando le donne attraverso capi come corsetti che toglievano il fiato e gonne troppo ampie e pesanti per camminare liberamente. Con l’arrivo della bicicletta e la pratica dello sport anche in ambito pubblico, l’utilizzo di capi d’abbigliamento sportivi iniziò ad essere integrato dalla società e le donne poterono iniziare a liberarsi gradualmente dalla maniera di vestire che gli era stata imposta fino a quel momento, senza essere additate come volgari e irriverenti. Quello che poteva sembrare un semplice cambio di moda, era in realtà un vero e proprio manifesto progressista. La donna stava iniziando una grande battaglia contro il patriarcato, che sarebbe diventata molto più dura e faticosa, ma è piacevole pensare che lo sport abbia avuto un piccolo ruolo nella sua lotta per il raggiungimento della libertà.




News letta: 1142 volte.
    Alice Chisotti - newcitizenpress.com - 22/03/2021


Sullo stesso argomento:

-