Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Novembre 2021 - Anno XIV - Numero 10 - Domenica 05 Dicembre 2021
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto più di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

>> Editoriale: Dott.Nicola Crozzoletti

Un piccolo passo per l'Uomo ma un grande passo per l'Umanità

immagini_articoli/1619380714_jhjuhj.jpg

Verso l'abolizione dell'Esame di Stato, se non dovessero cambiare l'assetto formativo nazionale in Psicologia basteranno due anni di Laurea magistrale con tirocinio per accedere alla professione. L'entrata al corso sarebbe possibile con lauree non psicologiche, non più cinque anni specialistici a ciclo unico come le altre professioni sanitarie; da  un pò di anni cosi, ma l'utenza sembra non conoscerne l'esistenza. 

Questo parrebbe uno dei provvedimenti inseriti nella bozza del Recovery plan discussa in Cdm nella mattinata del 24 Aprile. Uno degli obiettivi del Piano è quello di rendere più nello e smart il Paese: meno burocrazia, più lavoro e soprattutto più efficienza.

Il via libera quindi ad una liberalizzazioni delle professioni sanitarie, si direbbe di si ma converrebbe analizzare alcuni punti che sembrano ancora oscuri. Il Ddl che rende la laurea valida come esame di Stato, il cui iter è iniziato in Commissione alla Camera il 12 aprile scorso e per il quale il termine degli emendamenti è fissato al 4 maggio, non lo prevede ancora perché riguarda solo le professioni sanitarie, ma la strada sembra segnata L’abolizione dell’esame di Stato per le lauree abilitanti rientra in questa ottica.

Il Consiglio dei Ministri ha lavorato, accompagnato dagli Ordini professionali tra cui quello degli Psicologi a cui io appartengo. È infatti, credo ormai prossima l'approvazione del nuovo modello di formazione delle  categorie sanitarie.

Come Psicologo e Psicoterapeuta  e Giornalista pubblicista, Direttore responsabile di questo giornale dal 2008 vorrei dare alcune informazioni chiare della situazione, poiché sembrerebbe doveroso porre strumenti osservativi con particolare chiarezza del fenomeno giuridico e sanitario che si sta delineando,  sia per gli stessi Psicologi, ma anche per l'utenza, per il cittadino ed i miei lettori che da anni seguono la rubrica periodica. 

Inizio con la presentazione dei Corsi di Laurea attualmente presenti nell'abolizione dell'Esame di Stato in ambito sanitario.

Laurea in Medicina e Chirurgia, ciclo unico durata 6 anni e 360 CFU o crediti formativi; il ciclo è unico e la frequenza è frontale in sede universitaria e obbligatoria. Non è on-line e non può essere frequentata telematicamente. 

Laurea in Farmacia, durata 5 anni, a ciclo unico 300 CFU, frequenza frontale in sede universitaria. Non è on-line e non può essere frequentata telematicamente.

Laurea in Medicina veterinaria, durata 5 anni a ciclo unico 300 CFU con frequenza frontale, non è on-line e non può essere frequentata telematicamente.

Laurea in Odontoiatria, durata 6 anni, ciclo unico 360 CFU, frequenza obbligatoria. Non è on line e non può essere frequentata telematicamente .

Ed in fine Psicologia, durata tre anni + due anni. 180 CFU la triennale e 120 la Magistrale . Non è a ciclo unico nel senso che non è necessario fare i cinque anni consecutivi di Psicologia, si può anche accedere direttamente alla laurea di due anni finale Magistrale da altri corsi corsi di laurea, anche direttamente con altre lauree non psicologiche, almeno da quello che visiono dai curriculum che mi arrivano in Studio per poter accedere al Tirocinio professionalizzante in Psicologia; per essere chiari si presentano alla richiesta di tirocinio per accedere all'Esame di Stato di Psicologia Studenti laureati solo con 2 anni di Magistrale, a volte con pochi esami eseguiti di Psicologia(rispetto al corso completo di 120 CFU ed a ciclo unico formativo di 300 CFU) e provenienti da una laurea triennale non psicologica, tipo scienze dell'Educazione e della Formazione o Giurisprudenza, credo mi aspetti tra poco anche Architetti, Ingegneri, Informatici o altri tipologie non rientranti nella psicologia che ricordo essere Attività sanitaria nell'ambito della Salute mentale; il 90% si è formato completatamente a distanza.

L'abolizione dell'Esame di Stato per gli Psicologi è una buona notizia un traguardo importante cercato da tempo, ma tuttavia sarei molto deluso ritrovarmi  con  i nuovi futuri professionisti sanitari psicologici che , anzichè avere una formazione completa di 5 anni del profilo completo a ciclo unico come le altre discipline sanitarie sopra citate, abbiano solamente due anni e pochi Crediti formativi di  esami fondamentali e di indirizzo sostenuti, cosa invece che uno studente di base ha compiendo gli studi completi  a ciclo unico.

Se non fosse così mi domanderei dove starebbe la novità sulle liberalizzazioni delle professioni? Ed inoltre non ho ancora compreso come la sola Psicologia possa essere una formazione a Distanza tra tutte le altre. Un Tema che occorrerebbe mettere sul tavolo di concertazione in Parlamento prima dell'approvazione definitiva dell'emendamento, e spero sia stato affrontato adeguatamente. 

Non nascondo il mio auspicio che si arrivi ad una riforma in grado di ottimizzare la formazione e non di snellirne il contenuto per favorire un collocamento veloce di professionisti poco formati, ed inoltre se di liberalizzazioni si tratta non comprendo per quale motivo non si sia passati nelle precedenti legislature all'Abolizione degli Ordini professionali ed il passaggio ad Associazioni Professionali di Categoria, anzichè immetterne ulteriormente altri come recentemente allocati nelle Professioni tecniche sanitarie di riabilitazione ed infermieristiche. Un auspicio che spero negli anni possa essere preso in considerazione e motivo di progresso non solo italiano ma globale se si sostiene un pensiero per la libera corcolazione delle professioni.  

 




News letta: 1107 volte.
    Nicola Crozzoletti - newcitizenpress.com - 24/04/2021


Sullo stesso argomento:

-