Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi.
Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie. Privacy   -   Chiudi
Giugno 2022 - Anno XV - Numero 5 - Venerdì 19 Agosto 2022
La riforma del condominio    -    Nuove regole condominiali    -    Il calendario scolastico    -    Il Dottorato di Ricerca, ambizione dei giovani    -    Confederations Cup, calcio mercato e azzurrini vice-campioni d’Europa    -    Barça - Madrid una sfida che vale molto piĂą di tre punti    -    Il Giro ha il suo Re, Vincenzo Nibali    -    Restaurata la vera da pozzo in campo San Giovanni e Paolo    -    La torre di Pierre Cardin    -    Terremoto scuote la serenissima    -    MISTERO A JESOLO    -    SANT ELENA . AVVOCATO TROVATO CADAVERE IN ACQUA    -    PENSIONE IN CONTANTI STOP DAL 1 LUGLIO    -    SESSO ESTREMO.. LA FUGA DOPO LE SEVIZIE    -    Caldo: arriva Caronte    -    Terremoto a Venezia nella notte: torna la paura nel Nordest.    -    Venezia, tromba d'aria in laguna Devastato il parco della Certosa    -    World Series dell’America’s Cup    -    INCENDIO SANTA MARTA, UCRAINO MORTO PER CAUSE NATURALI    -    NOTTE VERDE A VENEZIA    -   
     Altri articoli >>
Training autogeno e Rilassamento guidato. Salute e benessere e consapevolezza    -    L’ipnosi clinica: un approccio nuovo per gestire ansia, stress e depressioni    -    Lanusei: il terrorismo al centro di un corso di aggiornamento per gli Avvocati del foro ogliastrino    -    Luglio 2018 - Ricerca clinica sull'Ipnosi regressiva..svelato l'arcano. Le persone raccontano le storie da svegli    -    UNE MALADIE POLITIQUE RETOURNANTE EN EUROPE: LE POPULISME    -    LA CRISE ET LA DEGRADATION DES ZONES URBAINES    -    Ibuprofen VS Parkinson’s disease: a new medical discovery.    -    World's First Eye-Controlled Laptop Arrives    -    JOHN LENNON: THIRTY YEARS AFTER HIS DEATH    -    Wikileaks: finally, Here we go!    -    Soccer Women’s World Cup: The United States fighting for a position!    -    Europe : Irish rescue approved!    -    Iran: a bomb attack kills a nuclear scientist.    -    Zahra Kazemi: the “red fee” to be “free” in Iran    -    The Burmese Nobel Prize Suu Kyi: an embrace of freedom!    -    To kill or not to kill? This is the absurd question on Sakineh’s destiny.    -    Oleg Kashin: in Moscow, the voice must go on!    -    Liu Xiaobo: China’s double face    -    Child sex tourism: a sub-animal business    -   
     ITEMS >

>>

IL COCKTAIL DEGLI ITALIANI

Circa un anno fa, il Negroni, uno dei cocktail più famosi del mondo e simbolo “dell'Italia da bere” ha compiuto 100 anni. Il Negroni è il cocktail italiano per eccellenza, fu ideato a Firenze intorno al 1920, dal conte Camillo Negroni, si narra che stanco del solito cocktail americano, chiese ad un suo barista di fiducia di sostituire il Seltz presente nel cocktail, con il Gin. La versione più leggera, chiamata “Negroni Sbagliato” prevede l'utilizzo dello spumante in sostituzione al Gin. Un cocktail semplice ma che negli anni è diventato il simbolo di una nazione, il suo inconfondibile colore rosso rubino e i toni amari da forte sentore alcolico lo rendono un cocktail perfetto per un aperitivo. 3cl di Vermut rosso. Campari e Gin versati in ordine di gradazione alcolica da quello con il livello alcolico più basso a quello più alto, versati in un bicchiere Old Fashioned riempito di ghiaccio mescolato delicatamente e decorato con una piccola fetta di arancia. Il Negroni diventa fin da subito un simbolo, un cocktail elegante e che con il Campari al suo interno porta in alto la bandiera del nostro paese. Nel 2019 per i suoi 100 anni, il New York Times aveva elogiato il Negroni che in quell'anno aveva “stroncato” lo spritz, diventando il cocktail preferito dagli italiani nell'estate del 2019. “Gli amari fanno bene al fegato, il gin fa male. Si equilibrano l'un l'altro", canto' le lodi del Negroni Orson Welles che lo assaggio' nel 1947 mentre si trovava a Roma. Un cocktail che ha conquistato il mondo e che ha coinvolto anche scrittori e personaggi di spicco. Per il centenario, in America si è festeggiata la “Negroni Week” con iniziative benefiche e con elogi di ogni tipo a questo cocktail 100% italiano. Un semplice drink, una semplice idea di un conte fiorentino che viaggia nel tempo e nel mondo, fino ad arrivare al nostro palato, un cocktail che diventa un simbolo e che più di cent'anni dopo fa ancora parlar di se sui giornali. Un semplice mix di alcolici, che passa nel tempo, fa notizia, fa divertire e che merita di essere elogiato come un esempio particolare del “genio Italiano”.




News letta: 62 volte.
    Linda Colonnelli - newcitizenpress.com - 27/11/2021


Sullo stesso argomento:

-